Variante Delta, il rischio di tornare in zona gialla in piena estate: contagi aumentano in 19 regioni

di Redazione Blitz
Pubblicato il 13 Luglio 2021 9:41 | Ultimo aggiornamento: 13 Luglio 2021 9:41
Variante Delta, il rischio di tornare in zona gialla in piena estate: contagi aumentano in 19 regioni

Variante Delta, il rischio di tornare in zona gialla in piena estate: contagi aumentano in 19 regioni FOTO ANSA

La variante Delta prosegue la sua corsa e il rischio di tornare in zona gialla in piena estate si fa più concreto visto che i contagi sono in aumento in ben 19 regioni. Per questo ora alcune Regioni si affidano al dibattito sulla possibile revisione dei parametri che stabiliscono i profili di rischio e l’assegnazione delle zone. Le ipotesi vanno dalla soglia minima di tamponi da effettuare ogni 100mila abitanti al maggiore peso del cosiddetto Rt ospedaliero rispetto a quello sull’incidenza. 

Il ministro della Salute, Roberto Speranza, chiarisce comunque che una risalita dei contagi era prevista ed è in corso, ma con numeri più bassi del passato. “Come abbiamo sempre fatto ci affideremo alla nostra squadra di tecnici che continueranno a fare questo lavoro di verifica, vediamo passo dopo passo come le cose vanno avanti”, spiega. Il sottosegretario Pierpaolo Sileri non vede il rischio di una revisione dei parametri, dato che “l’attuale sistema ci ha permesso di arrivare alla riaperture in sicurezza”.

Variante Delta e zona gialla, i numeri delle regioni

In 19 regioni su 21 ci sono evidenti segni di aumento dei casi, risale il tasso di positività e aumentano i ricoveri. I dati del ministero della Salute indicano che i casi positivi sono 888, contro i 1.391 di 24 ore prima. Ma è solo una flessione attesa ogni lunedì per via del rallentamento dei test durante il fine settimana. I nuovi casi sono stati infatti individuati grazie a 73.571 test, fra molecolari e antigenici rapidi, poco più della metà dei 143.332 del giorno precedente. Di conseguenza il tasso di positività è salito in 24 ore dallo 0.97% all’1,21%, calcolando il rapporto fra i nuovi casi e il totale dei test. Calcolando invece il rapporto fra i casi e i soli test molecolari il tasso supera il 2%.

Le regioni con il maggior aumento dei contagi

Fra le regioni, i dati del ministero della Salute segnalano il maggiore incremento giornaliero dei casi nel Lazio (172), seguito da Sicilia (150), Emilia Romagna (118), Lombardia (95), Veneto (76),Campania (69), Toscana (66) e Sardegna (51). Nelle altre regioni l’incremento è stato inferiore a 20 casi.