Venezia, barchino si schianta contro un palo in laguna: un morto

di Veronica Nicosia
Pubblicato il 10 Marzo 2019 13:00 | Ultimo aggiornamento: 10 Marzo 2019 13:00
Laguna Venezia, barchino si schianta: morto Massimo Boscolo Chielon

Venezia, barchino si schianta contro un palo in laguna: un morto

VENEZIA – Il barchino che pilotava si è schiantato contro un palo che delimitava un’area archeologica della laguna di Venezia. La vittima è finita in acqua ed è deceduta per annegamento, forse incosciente dopo un trauma subito nell’impatto. E’ morto così Massimo Boscolo Chielon, 61 anni e originario di Chioggia, nella notte tra il 9 e il 10 marzo.

Secondo una prima ricostruzione, Boscolo Chielon insieme al figlio e a due amici erano partiti la sera di sabato 9 marzo per una battuta di pesca nella laguna. Al ritorno sulla via di casa, nella zona dell’isola sommersa San Marco in Boccalama, il barchino guidato dall’uomo si è schiantato contro una delle palancole che circondano l’area in cui, circa 20 anni fa, fu trovata un’antica ‘galea’ veneziana.

La vittima, il figlio e gli altri amici sono finiti in acqua e sono stati soccorsi da un’altra imbarcazione di pescatori. Per Boscolo Chielon però non c’è stato nulla da fare: l’uomo è morto per annegamento, avendo probabilmente ingoiato acqua dopo essere rimasto privo di sensi nell’incidente. Il figlio e gli altri due pescatori sono stati condotti in ospedale a Chioggia per accertamenti, ma non hanno riportato lesioni di grave entità. 

Come riportato dall’Ansa, i carabinieri indagano per ricostruire l’esatta dinamica dell’incidente, che potrebbe essere stato provocato da un problema al radar dell’imbarcazione o forse per l’alta velocità. I militari hanno svolto una perlustrazione del luogo dell’incidente, dove è stato rinvenuto il barchino semi-affondato. Nei prossimi giorni verranno effettuate le operazioni di recupero per gli accertamenti tecnici sulla strumentazione di bordo e per precisare la dinamica dell’urto.

Fonte Ansa