Venezia, si intrufolano nel cantiere e giocano col muletto: morto 13enne

di Redazione Blitz
Pubblicato il 17 settembre 2018 15:29 | Ultimo aggiornamento: 17 settembre 2018 15:29
venezia muletto

Venezia, si intrufolano nel cantiere e giocano col muletto: morto 13enne

VENEZIA – Un 13enne, Cristiano Lucchini, è morto schiacciato da un muletto sul quale era salito insieme al fratello di 14 anni per gioco. E’ accaduto in un cantiere edile di Venezia, lungo il rio della Scomenzera. Stando a quanto emerso, i due sono riusciti ad entrare nella struttura, sono saliti sul mezzo e l’hanno messo in moto.

Secondo una prima ricostruzione, i due ragazzini si sarebbero introdotti nel cantiere, che era chiuso, forzando un tratto di recinzione.

Quindi per gioco si sarebbero impossessati del muletto di grandi dimensioni per “correre” nello spazio aperto dell’impresa edile. Proprio una manovra azzardata ha provocato il rovesciamento del mezzo.

Quella del gioco finito male è la prima ipotesi sulla tragedia avvenuta domenica pomeriggio, 16 settembre, a Venezia. I vigili del fuoco sono intervenuti verso le 18, stando a quanto riportato da Venezia Today, per il rovesciamento di un muletto. Le squadre dei pompieri intervenuti dal vicino distaccamento di Marittima, Mestre e Treviso non hanno potuto fare nulla quando sono arrivati con il personale medico del Suem 118: il ragazzino era già morto. L’amico della vittima invece è rimasto fortunatamente illeso. Sono quindi partite le operazioni di rimozione del muletto.

Sul posto anche la questura. Ora bisogna accertare come mai i due giovani si trovassero all’interno di quella grande area. È probabile che si siano introdotti abusivamente all’interno. Sono in corso le indagini, quindi si attendono aggiornamenti che facciano chiarezza sulla tragedia.