Venezia: spuntano portavaligie abusivi sul ponte di Calatrava

Pubblicato il 15 maggio 2010 10:04 | Ultimo aggiornamento: 15 maggio 2010 10:10

Venezia e i suoi ponti offrono ai maestri dell’arte d’arrangiarsi mille spunti per far soldi: come quello del facchino (abusivo s’intende) per i turisti che salgono le rampe del nuovo ponte di Calatrava, tra Piazzale Roma e la Stazione. Un fenomeno relativamente nuovo ma già monitorato dalla polizia municipale, che negli ultimi mesi ha sanzionato con multe da 50 euro numerosi portavaligie irregolari.

Si tratta di facchini improvvisati, soprattutto stranieri, dei paesi dell’est Europa, ma anche italiani. Nei giorni scorsi – riferisce ‘Il Gazzettino’ – presidiava la zona del “Ponte della Costituzione” un cinquantenne ben piazzato, dai modi garbati, che per 10 euro di ricompensa si offriva di portare valigie ai turisti si apprestano ad arrancare sui gradoni del ponte.

Qualcuno cedeva alla richiesta di denaro, sborsando i 10 euro, altri, finito il trasbordo dei borsoni, non davano nulla, altri ancora dimezzavano il compenso a 5 euro, o qualche spicciolo. Un’attività comunque redditizia, considerato il flusso ininterrotto di gente nel quarto ponte sul Canal Grande. Una nuova fattispecie di abusivismo “veneziano” – dopo gli intromettitori, i taxisti senza licenza, gli ‘scatolettari’, gli ambulanti di borse false griffate – che tuttavia i vigili urbani sono decisi a reprimere.