Veronica Panarello, amica nega: “Non dovevamo incontrarci”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 25 Novembre 2015 17:01 | Ultimo aggiornamento: 25 Novembre 2015 17:01
Veronica Panarello, amica nega: "Non dovevamo incontrarci"

Veronica Panarello, amica nega: “Non dovevamo incontrarci”

ROMA – L’amica di Veronica Panarello ai microfoni di Pomeriggio Cinque, il programma condotto da Barbara D’Urso, ha negato di avere un appuntamento con la mamma del piccolo Andrea Loris Stival nel giorno in cui è stato ucciso. L’amica, che ha scelto di non apparire in televisione, ha confermato alla D’Urso che doveva prendere in prestito la sdraietta per neonato come dichiarato da Veronica, ma di non aver mai fissato un appuntamento quel 29 novembre, giorno in cui il bimbo è morto.

 

Il sito UrbanNews scrive che la puntata di Pomeriggio Cinque spiega che il giorno della morte di Loris, Veronica parcheggiò l’auto in garage nonostante ci fossero parcheggi in strada e dovesse uscire in fretta per andare al corso di cucina:

“Da quel garage sarebbe passata con in braccio il cadavere del figlio avvolto da un giubbotto, lo ha detto lei di recente agli inquirenti, per caricarlo in auto, ma quando il marito Davide il giorno della sua nuova confessione le ha chiesto il perché di ciò, lei ha risposto che quella mattina avrebbe dovuto caricare nel bagagliaio dell’auto un seggiolino da bambino da regalare ad un’amica.

Al riguardo oggi a Pomeriggio 5 l’inviata di Barbara D’Urso ha raccolto due importanti testimonianze che in un certo qual modo smentirebbero le parole della Panarello. Un vicino di casa della donna, che la mattina del delitto era in casa: “Io vivo sotto di lei, e quella mattina non ho sentito niente. Se mi avesse chiesto aiuto per Loris, io sarai subito intervenuto. Non metteva mai la macchina in garage, ma quel giorno sì … Quando abbiamo saputo che quella mattina ha parcheggiato nel garage, qui tutti abbiamo pensato subito pensato che fosse stata lei ad ucciderlo”.

E ancora, la donna alla quale Veronica avrebbe dovuto regalare il seggiolino. Si tratterebbe di una commerciante, che ha scelto di non rilasciare interviste di fronte alle telecamere, ma ha tuttavia dichiarato alla trasmissione che Veronica avrebbe sì dovuto prestarle (e non regalarle) il seggiolino in questione, ma che per quel giorno (il 29 novembre 2014 ndr)non avevano un appuntamento. “Dovevamo ancora metterci d’accordo su quando incontrarci”, ha detto la donna”.