Viadotto Veilino A12 Genova-Livorno, scatta il monitoraggio con l’allerta meteo

di redazione Blitz
Pubblicato il 22 Gennaio 2020 22:30 | Ultimo aggiornamento: 22 Gennaio 2020 22:30
Viadotto Veilino A12 Genova-Livorno, scatta il monitoraggio con l'allerta meteo

(Foto archivio Ansa)

GENOVA  –  L’allerta meteo fa scattare il monitoraggio per il viadotto Veilino della A12 Genova-Livorno in Liguria e per la A7 Genova-Milano. Le due tratte autostradali sono state oggetto delle ispezioni dell’ingegner Placido Migliorino, inviato dal ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti a studiare lo stato di salute delle tratte autostradali in Liguria, con particolare attenzione a ponti, viadotti e gallerie.

Se martedì 21 gennaio era toccato al viadotto Rovena sul tratto genovese della A12 per il quale la diagnosi è stata di malattia grave ma senza problemi di staticità, secondo Aspi, oggi torna di attualità il viadotto Veilino, già indicato in passato tra le strutture da monitorare.

Due le decisioni prese per questa infrastruttura sempre della A12, compresa tra Genova Est e Genova Nervi. La prima riguarda un piano preventivo di monitoraggio ed emergenza relativo a eventuali movimenti del suolo dove insiste il viadotto, in caso di allerta meteo. E’ la prima volta che viene assunta una misura di questo genere sulla rete ligure. Ciò è stato concordato da Autostrade insieme all’ispettore Migliorino. “Tale piano – spiegano da Aspi – integra e completa gli interventi già messi in atto negli anni trascorsi (2002 e 2014) relativi al consolidamento delle fondazioni della struttura e alla stabilizzazione del suolo tramite pozzi drenanti”.

La seconda riguarda gli interventi di ripristino sulla parte centrale dell’impalcato della carreggiata Est. Per compierli è stata avviata un’attività propedeutica che prevede la chiusura della carreggiata stessa per questa notte fino alle 6 di giovedì 23 gennaio. I veicoli diretti verso Sestri Levante transiteranno sulla carreggiata opposta (Ovest) dove è stato istituito il doppio senso di marcia.

Oltre alla A12, guai ci sono, secondo l’ispettore ministeriale, anche in A7, dove sono stati ispezionati i viadotti Scrivia Pietrafraccia e Scrivia Arnasso, nel tratto genovese. Il primo risale agli anni ’30. “Sono stati riscontrati avanzati stati di ammaloramento, in particolare in travi delle campate esterne. Dovrà essere prestata particolare attenzione. Ma per quanto riguarda il primo bisogna entrare nell’ottica, vista l’età di 90 anni, di rifarlo completamente”, ha detto Migliorino. (Fonte: Ansa)