Viareggio, malore in strada: soccorsa e operata al cuore

di Redazione Blitz
Pubblicato il 7 aprile 2018 11:00 | Ultimo aggiornamento: 7 aprile 2018 11:00
Viareggio, soccorsa e operata al cuore per un malore in strada

Viareggio, malore in strada: soccorsa e operata al cuore

VIAREGGIO – Ha accusato un malore in strada ed è stata operata d’urgenza per un problema al cuore: una donna ha voluto ringraziare il medico del 118 che le ha salvato la vita.

Tutte le notizie di Blitzquotidiano e Ladyblitz in queste App per Android. Scaricate qui Blitz e qui Ladyblitz.

Matteo Tuccini sul Tirreno scrive che la donna, madre di due figli ancora piccoli, si è sentita male in strada. Una patologia non frequente per la sua età, ma il medico del 118 che l’ha soccorsa, Maurizio Sculco, ha riconosciuto subito i sintomi e le ha salvato la vita:

“La donna, nel suo ringraziamento, ha ripercorso tutto ciò che le è accaduto sabato scorso: non è stato uno scherzo, ma la professionalità e la capacità dei medici, il dottor Sculco così come il cardiologo dell’ospedale Versilia Alessio Lilli, il cui lavoro ha portato all’intervento all’Opa di Massa, hanno reso possibile la soluzione del problema. Fermo restando che dovrà tenersi sotto controllo e seguire una terapia.

«Non è frequente che ad una persona giovane e senza fattori di rischio accada quello che è successo a me – ha scritto la donna rivolgendosi al dottor Sculco – ma a volte succede, e non si sa perché. Sono felice. Sono felice perché ho avuto tanta paura. Perché poteva andare molto peggio se penso che avevo dolori dalla metà di gennaio. Perché potrò continuare a prendermi cura dei miei due piccoli angeli. E non per ultimo perché ho avuto la fortuna di incontrare sulla mia strada, in un momento così delicato, una brava persona come lei, un medico attento e preparato ed una persona gentile. Grazie dottore, grazie di cuore per tutto quello che ha fatto e per come lo ha fatto. E la prego di girare questo grazie anche ai ragazzi che la accompagnavano. Siete una bellissima squadra. E l’ultimo grazie lo rivolgo a chi, da lassù, mi ha protetto e mi ha messo sulla strada persone come voi».

Il dottor Sculco ha reso pubblica questa lettera di ringraziamento, sostenendo che quando ci sono questi attestati l’impegno di un medico è, se necessario, ancora più fortificato. Un impegno che in questi giorni ha visto lo stesso Sculco e la squadra del 118 protagonisti di un altro salvataggio, assieme ad altri volontari, a Pietrasanta. Quando hanno soccorso un avvocato 73enne che rischiava di soffocare per un boccone in gola”.