Vibo Valentia. Sequestro di beni per 700 mila euro alla ‘Ndrangheta

Pubblicato il 20 Febbraio 2012 9:15 | Ultimo aggiornamento: 20 Febbraio 2012 9:19

CATANZARO – La Direzione Investigativa Antimafia di Catanzaro ha sequestrato beni per un valore di oltre 700 mila euro riconducibili a Domenico Campisi, di 44 anni, ritenuto vicino alla cosca Mancuso di Limbadi (Vibo Valentia) ed ucciso a colpi di fucile il 17 giugno del 2011 nelle campagne di Nicotera, nel vibonese.

Il provvedimento di sequestro e' stato emesso dalla sezione misure di prevenzione del Tribunale di Vibo Valentia che ha accolto la richiesta avanzata dal Direttore della Dia, Alfonso D'Alfonso.

Il personale della Dia di Catanzaro ha effettuato numerosi accertamenti sulle proprieta' di Campisi, in modo particolare nell'arco temporale tra il 1993 ed il 2009. Dalle indagini e' emersa una sproporzione tra le proprieta' effettivamente avute ed i redditi dichiarati al fisco.

I beni sequestrati consistono in diverse proprieta' immobiliari, autovetture e disponibilita' finanziarie. Il sequestro eseguito e' uno dei primi provvedimenti eseguiti nei confronti di una persona deceduta, cosi' come previsto dal 'Nuovo codice antimafia' varato nel settembre del 2011.