Vicenza, maxi spiedo degli Alpini sequestrato: cucinavano uccelli illegali

di Redazione Blitz
Pubblicato il 30 marzo 2018 12:43 | Ultimo aggiornamento: 30 marzo 2018 12:43
Alpini cucinano uccelli illegali: maxi spiedo sequestrato

Vicenza, maxi spiedo degli Alpini sequestrato: cucinavano uccelli illegali

VICENZA – Hanno organizzato un maxi spiedo per cucinare degli uccelli, ma erano illegali: la polizia sequestra la cena degli Alpini a Torri di Quartesolo a Vicenza.

Tutte le notizie di Blitzquotidiano in questa App per Android. Scaricatela.

L’episodio è avvenuto lo scorso venerdì 23 marzo, quando una telefonata ha avvisato la polizia che nella sede degli Alpini era in corso la preparazione di un maxi spiedo con ben 380 esemplari di uccelli appartenenti a specie protette e dunque illegali da cacciare e cucinare. Il Giornale di Vicenza scrive:

“Quando gli agenti provinciali sono giunti in via Mantova, l’inconfondibile profumo di arrosto e il camino acceso non ha lasciato dubbi; nello spiedo in cottura erano infilati ben 380 esemplari di prispolone, conosciuto anche come “tordina”, specie di uccello migratore particolarmente protetto. Una grande tavola imbandita non lasciava dubbi sulla sorte che quella sera attendeva gli uccellini.

Gli agenti hanno provveduto all’immediato sequestro degli uccelli e a denunciare il cuoco, un 80enne della città, per la detenzione della specie protetta. Rischia un’ammenda da 774 a 2065 euro. Sono ancora in corso accertamenti sulla provenienza dei selvatici, probabilmente cacciati nei paesi dell’Est Europa e importati illegalmente”.