Vicenza, uccisa con un colpo di pistola alla testa. Non fu suicidio, fermato il marito

di Redazione Blitz
Pubblicato il 29 novembre 2018 15:52 | Ultimo aggiornamento: 29 novembre 2018 23:52
Vicenza, Anna Filomena Barretta no suicidio: arrestato Angelo Lavarro

Vicenza, uccisa con un colpo di pistola alla testa. Fermato l’ex marito: ha simulato il suicidio

VICENZA – L’hanno trovata morta con un colpo di pistola alla testa e il caso era stato archiviato come suicidio. Anna Filomena Barretta, 42 anni, non si è tolta la vita lo scorso 20 novembre nella sua casa di Marano Vicentino, in provincia di Vicenza. La svolta arriva il 29 novembre quando i carabinieri hanno arrestato Angelo Lavarro, 43 anni ed ex marito di Anna, con l’accusa di omicidio. 

L’uomo che lavora come guardia giurata aveva raccontato di aver trovato il cadavere della donna nella sua abitazione, ma dopo un lungo interrogatorio è stato sottoposto a fermo e iscritto nel registro degli indagati con l’accusa di omicidio.

Le indagini dei carabinieri insieme ai rilievi del Ris di Parma intervenuti nella casa di Marano Vicentino hanno escluso il suicidio e scoperto che il colpo letale è stato esploso dalla pistola d’ordinanza di Lavarro. L’ex marito si è difeso dicendo di aver lasciato l’arma incustodita, ma la sua versione non ha convinto gli inquirenti e ora il gip dovrà valutare gli elementi probatori raccolti e decidere se convalidare il fermo.