Vigevano, ragazza sfugge allo stupro attaccandosi ai citofoni e fa arrestare l’aggressore

di redazione Blitz
Pubblicato il 27 marzo 2018 6:58 | Ultimo aggiornamento: 27 marzo 2018 7:09
Una ragazza di 23 anni a Vigevano è sfuggita ad uno stupro chiedendo aiuto

(Foto d’archivio)

VIGEVANO (PAVIA) – Torna a casa dopo una serata con le amiche, parcheggia l’auto, fa per aprire il cancello ma viene aggredita da uno sconosciuto che tenta di stuprarla.

Tutte le notizie di Blitzquotidiano in questa App per Android. Scaricatela

Solo che lei ha la forza per ribellarsi, urla con tutta la voce che ha e riesce a raggiungere il citofono, schiacciando più pulsanti possibili. E così i vicini di casa chiamano i soccorsi e l’uomo, Fouad El Atlassi, marocchino di 31 anni, senza fissa dimora e irregolare sul territorio nazionale, già pregiudicato, è stato arrestato, ancora in flagranza di reato, con l’accusa di tentata violenza sessuale.

E’ finita per fortuna bene la bruttissima avventura vissuta da una giovane italiana di 23 anni di Vigevano, in provincia di Pavia. La donna, racconta il Giorno, 

Dopo una lunga serata passata con le amiche, aveva parcheggiato l’auto a pochi metri dal portone del palazzo dove abita. Appena scesa dall’auto s’è sentita osservata, ha notato quello sconosciuto che le si avvicinava alle spalle. Ha accelerato il passo e cercato nella borsetta le chiavi per aprire il cancello, ma ormai quell’uomo le era addosso. Già con i pantaloni abbassati, l’ha afferrata per stuprarla. Anche se terrorizzata, la ragazza è riuscita a divincolarsi e a indietreggiare verso il portone di casa. S’è messa subito a urlare con tutta la forza che è riuscita a trovare. Ma ha avuto anche la prontezza di attaccarsi ai citofoni, pigiando più bottoni e svegliando così mezzo palazzo.

In questo modo la ragazza è riuscita a mettersi in salvo e a far arrestare l’aggressore. Un vicino, svegliato dalle urla e dal suono del citofono, ha aperto il cancello alla donne a ha chiamato i soccorsi.

I carabinieri hanno iniziato la caccia all’uomo, che nel frattempo si era allontanato cercando di far perdere le proprie tracce. Ma la fuga è durata poco: è infatti stato intercettato dai militari, che lo hanno bloccato e ammanettato.