Vigili assenti Capodanno, 50 medici firmarono certificati: rischiano radiazione

di redazione Blitz
Pubblicato il 2 luglio 2015 11:55 | Ultimo aggiornamento: 2 luglio 2015 11:57
Vigili assenti Capodanno, 50 medici firmarono certificati: rischiano radiazione

Vigili assenti Capodanno, 50 medici firmarono certificati: rischiano radiazione

ROMA – Avrebbero firmato certificati medici falsi per i vigili che si sono assentati la notte di Capodanno a Roma, benché risultassero reperibili. Per questo 5o dottori, ma il numero è destinato a salire, sono finiti sul registro degli indagati e rischiano ora di essere radiati dall’albo professionale se condannati in via definitiva. E’ quanto previsto dalla famigerata legge Brunetta, quella anti-fannulloni, che all’articolo 55 recita testualmente: “Il rilascio di certificazioni che attestano dati clinici non direttamente constatati, né oggettivamente documentati comporta, per il medico, la sanzione disciplinare della radiazione dall’albo”.

Se il medico in questione è poi un dipendente del servizio sanitario nazionale, potrebbe andare incontro anche a licenziamento. I vigili che hanno bussato alla porta dei medici per “marinare” il servizio la notte di Capodanno 2015, rischiano invece una pena massima di 5 anni e multe che vanno dai 400 ai 1.600 euro.

I primi 17 vigili accusati di interruzione di pubblico servizio e di rifiuto di obbedienza commesso da un agente della forza pubblica sono in attesa di verdetto, che dovrebbe arrivare nelle prossime settimane. I pm Stefano Fava e Nicola Maiorano hanno chiesto una multa di 4 mila euro.

Al momento nel mirino della Procura sarebbero finiti anche nove medici sostituiti dei dottori andati in ferie nei giorni a ridosso del Capodanno. I sostituti sono accusati di aver sottoscritto, secondo l’accusa, certificati falsi intestandoli con le firme dei medici regolarmente assenti. Sono indagati per sostituzione di persone e accesso abusivo al sistema informatico.