Vigili Roma, concorso sospetto, Comune pronto ad annullarlo

di Redazione Blitz
Pubblicato il 11 Settembre 2015 13:03 | Ultimo aggiornamento: 11 Settembre 2015 13:03
Vigili Roma, concorso sospetto, Comune pronto ad annullarlo

Vigili Roma, concorso sospetto, Comune pronto ad annullarlo

ROMA – La città di Roma ha bisogno urgente di 300 nuovi vigili urbani, ma il concorso che doveva selezionarli rischia seriamente di saltare per i troppi sospetti di manipolazione. Al punto che il Campidoglio, invece di aspettare la fine dell’indagine e il pronunciamento del Tar, sta seriamente pensando di annullarlo, in autotutela come si dice.

Troppe le cose che non tornano, denunciate all’inizio dal Messaggero. Tra le prove scritte sono stati trovati 226 segni distintivi. 2671 furono i partecipanti al concorso del 21 dicembre 2012, ma le schede di valutazione degli elaborati dalla prima commissione risultano tutte scomparse. I promossi alla prima prova furono 2263, i bocciati 408: tuttavia il risultato finale, depositato all’Albo Pretorio vedeva “curiosamente” i dati invertiti, cioè 408 promossi e 2263 bocciati.

La circostanza non convince, perché, almeno in teoria, «le due commissioni hanno utilizzato i medesimi criteri», scrivono i ricorrenti. Più di 200 elaborati, inoltre, presentavano presunti segni di riconoscimento posizionati in alto a sinistra del foglio delle domande, ma non sono stati annullati. Il Tar del Lazio si pronuncerà il prossimo 7 ottobre sul ricorso. In via cautelare, gli esclusi hanno chiesto che venga nominata una nuova commissione (la quinta) che ricorregga gli scritti; oppure che tutti vengano ammessi con riserva agli esami orali in attesa che la giustizia amministrativa decida nel merito su come chiudere l’odissea del concorsone. (Silvia Barocci, Il Messaggero).