Villa D’Almé. Accoltella ex moglie e tenta suicidio: condannato a 14 anni

di Redazione Blitz
Pubblicato il 17 Luglio 2014 11:43 | Ultimo aggiornamento: 17 Luglio 2014 11:43
Villa D'Almé. Accoltella ex moglie e tenta suicidio: condannato a 14 anni

Villa D’Almé. Accoltella ex moglie e tenta suicidio: condannato a 14 anni

BERGAMO – Prima accoltellò la moglie da cui si era separato, poi si gettò nel vuoto. Razzouk Bousadani, detto Aldo, è sopravvissuto al volo di 16 metri dal ponte a Villa D’Almè. Anche la ex moglie è sopravvissuta e si è ripresa dalle ferite inferte nel settembre 2013. Il 16 luglio il giudice del tribunale di Bergamoha condannato Bousadani è stato condannato a 14 anni di carcere per tentato omicidio.

Bousadani, 47 anni e di origine marocchina ma da tempo cittadino italiano, dopo le coltellate inferte alla moglie aveva raggiunto la località Fonderie, a Villa d’Almè, e si era gettato da un cavalcavia schiantandosi sull’asfalto della strada sottostante, dopo un volo di 16 metri.

La donna si è totalmente ripresa, mentre l’uomo ora cammina con l’aiuto delle stampelle. La mattina di mercoledì 16 luglio è arrivata la sentenza e la condanna a 14 anni di carcere: una sentenza pesante, anche se il pm aveva addirittura chiesto 20 anni.