Villacidro (Medio Campidano), arrestato Giuseppe Pintus. Trovato il cadavere di Marta Deligia

di Redazione Blitz
Pubblicato il 23 settembre 2013 14:27 | Ultimo aggiornamento: 23 settembre 2013 14:28
Marta Deligia (foto Nuova Sardegna)

Marta Deligia (foto Nuova Sardegna)

VILLACIDRO (MEDIO CAMPIDANO)  – E’ stato arrestato dai carabinieri Giuseppe Pintus, ricercato per aver strangolato la fidanzata, Marta Deligia, a Villacidro . Giuseppe Pintus aveva telefonato al 112 dicendo di aver fatto una follia e di volersi ammazzare: si temeva, quindi, per la sua sorte. Il corpo della ragazza, Marta Deligia, era già stato trovato nell’auto di Pintus.

La telefonata di Pintus (“Ho fatto una cavolata, adesso vado ad ammazzarmi”) risalirebbe all’alba di questa mattina.  Marta Deligia, barista nel locale “Capoverde” di Villacidro, avrebbe dovuto aprire l’esercizio alle 7 di questa mattina, ma nessuno l’ha vista e il bar è rimasto chiuso.

C’è stata anche una seconda telefonata di Giuseppe Pintus. Questa volta ha chiamato la sorella e non i carabinieri per dirle che “non voleva fare trent’anni di galera”.