Vincenzo De Luca chiede di identificare un immigrato. Ma la folla lo difende e accusa il sindaco di Salerno VIDEO

di Redazione Blitz
Pubblicato il 4 novembre 2014 10:58 | Ultimo aggiornamento: 4 novembre 2014 10:58
Vincenzo De Luca chiede di identificare un immigrato. Ma la folla lo difende e accusa il sindaco di Salerno VIDEO

Vincenzo De Luca chiede di identificare un immigrato. Ma la folla lo difende e accusa il sindaco di Salerno VIDEO

SALERNO – Passando davanti a un supermercato del centro, il sindaco di Salerno Vincenzo De Luca (Pd) ha incrociato un immigrato che in cambio di qualche centesimo aiutava i clienti a riportare i carrelli della spesa al loto posto. Per De Luca, come riporta Il Mattino,” l’immigrato era una vecchia conoscenza, destinatario di un foglio di via e così ha deciso di chiamare i vigili chiedendone l’identificazione e a quel punto è scoppiato il parapiglia”. Il tutto testimoniato da alcuni video pubblicati sul Web.

Attimi di tensione e confusione, qualche urla, poi il sindaco si infila in auto e va via.

Un giornalista, Massimiliano Amato, riferisce su Facebook: “Io quel ragazzo lo incontro quasi ogni giorno, perché il supermercato è vicino casa mia: è di una discrezione, un’umanità, un’educazione e una civiltà commoventi, e non dà fastidio a nessuno. Dopo il rito barbaro dell’identificazione, non contento, il noto progressista che vuole riportare la sinistra al governo di Palazzo Santa Lucia, ha aggredito verbalmente alcune signore che avevano preso le difese del ragazzo”.

Francesco Nicodemo, ex responsabile nazionale Pd della comunicazione, ha scritto: “Mi vergogno davvero”. Aggiungendo: “Ma chi si candida, Matteo Salvini alle primarie in Campania”? Ma dal Comune di Salerno è stata diffusa una nota che offre una versione diametralmente opposta: l’immigrato avrebbe aggredito i vigili, colpendo al viso uno e rompendo una costola a un altro. “Nello zaino del soggetto, di età intorno ai 20 anni e residente a Gragnano (Na), sono stati trovati 117 euro in monete, un tablet e due cellulari”.

Il video pubblicato dal Fatto Quotidiano

Uno dei video pubblicati su Facebook e YouTube: