Violenza sessuale: abusò di due ragazze, prete patteggia nell’aquilano

Pubblicato il 8 Novembre 2010 20:06 | Ultimo aggiornamento: 8 Novembre 2010 20:17

Un prete molto noto nella Marsica, don Duilio Testa, di 80 anni, ha patteggiato un anno e 40 giorni di reclusione per violenza sessuale nei confronti di due ragazze. La decisione del Giudice del Tribunale di Avezzano (L’Aquila), formalizzata nei giorni scorsi, è stata confermata lunedì, seppur con comprensibile disagio, da fonti vicine alla Curia Diocesana dei Marsi.

Il sacerdote da quanto si è saputo sarebbe stato immediatamente sospeso dalle sue funzioni. Don Duilio è conosciuto soprattutto a Trasacco (L’Aquila) dove fu trasferito nel 2004 dall’allora vescovo Lucio Renna, da Castellafiume (L’Aquila), per sostituire padre Emilio, l’unico frate francescano rimasto nella Chiesa della Madonna del Perpetuo soccorso, al centro di una violenta protesta dei fedeli che occuparono il luogo sacro per diversi mesi contro il trasferimento dello stesso frate.

Secondo l’accusa Testa avrebbe costretto due giovani ragazze del posto a subire le sue avances nella canonica della Chiesa. Le indagini, che si sono protratte per diversi mesi, hanno permesso di accertare, anche con registrazioni, l’effettiva veridicità delle accuse. A seguito dell’avvio del procedimento, il sacerdote, assistito dal suo avvocato di fiducia, ha optato per il patteggiamento.