Violenza sessuale: ragazza di 18 anni stuprata dal patrigno

Pubblicato il 5 Luglio 2010 22:30 | Ultimo aggiornamento: 5 Luglio 2010 22:31

Una ragazza di 18 anni è stata stuprata dal patrigno, arrestato poi dalla polizia di Bassano del Grappa non solo per violenza sessuale ma anche per violenza e resistenza a pubblico ufficiale. Portato in commissariato a Bassano del Grappa, l’uomo – D.S., 51 anni, di Romano d’Ezzelino (Vicenza) – ha infatti malmenato gli agenti.

La ragazza era andata a casa del patrigno a ritirare alcuni effetti personali – riferisce il Giornale di Vicenza – dopo che lei e la madre l’avevano lasciata per andare a vivere altrove. Dieci anni fa la donna, rimasta vedova, aveva sposato D.S. ma il rapporto con il nuovo marito è sempre stato piuttosto difficile, tanto che si è decisa a chiedere la separazione.

Per ragioni economiche però, madre e figlia sono rimaste a vivere a casa dell’uomo fino a due mesi fa, quando si sono trasferite in un nuovo alloggio. Domenica la ragazza eè tornata a casa del patrigno in compagnia di un’amica, che l’ha attesa sotto il palazzo.

Una volta entrata nell’appartamento, la diciottenne avrebbe avuto un diverbio con il patrigno, che poi le si è buttato addosso abusando sessualmente di lei. Dopo la violenza la ragazza è uscita, ma il patrigno l’ha seguita e ha aggredito l’amica che la stava aspettando in strada.

Nel frattempo è arrivata anche la madre, accompagnata dal suo nuovo compagno, la quale – saputo quello che era successo – ha chiamato il 113. Ma in attesa dell’arrivo della polizia è nato un parapiglia con l’ex marito, sedato solo dall’intervento degli agenti che hanno portato tutti in commissariato, dove D.S. ha malmenato gli agenti prima di finire in manette.