Vittoriana Abate e Francesco Schettino, insieme un libro e “intimità profonda”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 9 luglio 2015 6:30 | Ultimo aggiornamento: 9 luglio 2015 1:19
Vittoriana Abate e Francesco Schettino, insieme un libro e "intimità profonda"

Francesco Schettino

ROMA – Si chiama Vittoriana Abate, è giornalista di Porta a Porta ed è la donna con cui l’ex comandante della Costa Concordia Francesco Schettino non solo ha scritto il libro “Le verità sommerse”, ma anche con la quale ha condiviso “un’intimità profonda”. A dirlo è la stessa Abate in un’intervista ad Antonella Piperno di Panorama, che ricorda come il primo contatto tra i due risalga a tre anni e mezzo fa.

All’epoca Vittoriana Abate contattò Schettino in cerca di un’intervista. Da allora i due sono diventati “intimi” e hanno scritto insieme quel libro dedicato alle vittime del naufragio della Costa Concordia che ha fatto tanto discutere, anche per quel titolo non proprio delicatissimo.

Ecco l’intervista di Piperno.

“Di chi è stata l’idea del libro?
Il comandante sentiva da tempo l’esigenza di raccontare quello che non aveva letto sui giornali. A partire dal contenuto della scatola nera, che secondo noi riabilita la sua manovra.

Pare che i magistrati la pensino diversamente. Che metodo di lavoro avete utilizzato per tentare di confutare la loro tesi?
Arrivava qui e apriva il suo computer, dove c’è la sua vita in file ordinatissimi. Ho riempito sei quadernoni. Abbiamo seguito un ordine cronologico, studiato le carte, evidenziato le sviste del processo. Una volta a casa mi mandava mail. Il naufragio ormai rappresenta il suo pensiero unico. È stato lui anche a scegliere le varie frasi di Henry Miller, Oriana Fallaci e anche Anna Frank che aprono i vari capitoli.

Da che si negava al telefono come è arrivato a scegliere proprio lei per il libro?
Perché mi sono avvicinata a lui sul piano emotivo. Quando sono riuscita a intervistarlo l’ho ascoltato, e poi ho studiato tutte le carte che mi ha consegnato. Mi ha chiesto di scrivere il libro all’epoca dell’udienza preliminare, a Grosseto, quando gli proposi di andare a mangiare una pizza e quindi di andare a rivedere per la prima volta, la Concordia. Fu un momento toccante, per rispettarlo camminavo tre passi dietro di lui. Fummo anche ampiamente fotografati, con relativi gossip.

Di una vostra relazione, oltre a Striscia la notizia che le ha consegnato il tapiro ha parlato anche il tedesco Bild additandola come la causa di separazione tra Schettino e sua moglie.
L’articolo di Bild è nato da una foto del comandante che entrava nel mio portone con le buste della spesa. Ma c’erano anche i suoi due avvocati che però sono stati accuratamente tagliati dall’immagine. Stavamo organizzando una cena a casa perché uscire sarebbe stato una follia. In questo senso Schettino è sempre stato molto protettivo nei miei confronti, evitando pizzerie e ristoranti.

Ma la separazione della moglie allora?
Ma è antecedente alla stesura del libro e semmai si deve alla presenza a bordo di Domnica Cemortan. E comunque tra noi c’è stato molto di più delle cene care al gossip. Un’intimità profonda, senza la quale sarebbe stato impossibile scrivere un libro così delicato. Se non avessi dovuto seguire la sentenza, sarei rimasta anche con lui nel residence di Grosseto. Quel giorno aveva 40 di febbre. Fui io a dargli la notizia con un sms. Scrissi solo «16», gli anni della condanna. Lui rispose: «Ma l’abbandono della nave me l’hanno tolto?» È l’accusa che lo fa soffrire di più, un reato diffamante per un uomo di mare.

Quali sono stati i momenti più critici nella stesura del libro?
Gli anniversari del naufragio. Anche se l’ho visto anche più provato per il capitolo sui parenti delle vittime. Fino ad allora mi aveva sempre implorato di non chiedergli «della bambina», riferendosi a Dayana Arlotti, cinque anni, morta in mare. Un giorno invece arrivò qui e tirò fuori la lettera che aveva scritto alla mamma di Dayana. Aveva le lacrime agli occhi.

Come l’ha sostenuto?
Lo ascoltavo. Vista la sofferenza che si porta dietro, gli ho anche consigliato di farsi aiutare da uno psicologo.

Qualche festa perà se l’è concessa, la sua foto a un party a Ischia ha fatto discutere…
Era la cena del nostro editore per tutti i suoi autori. E sono stata io a trascinarcelo, per farlo uscire di casa. Reagì malissimo: lui è uno che evita i contatti sociali, non prende più neanche il treno, non va al cinema..

Dallo psicologo poi c’è andato?
Dice che prima o poi lo farà. Per ora cerca conforto soprattutto nella religione, va in chiesa e non si separa mai dal crocifisso che ha al collo. Per sostenerlo mi sono messa anch’io su questa linea: alla vigilia della sentenza gli ho regalato una madonnina di Lourdes.

La risposta che non si aspettava durante la stesura del libro?
Quando gli ho chiesto se c’era qualcosa che non avrebbe rifatto tornando a quel 13 gennaio mi ha detto: «Il mio unico errore è stato quello di non morire. Non avrei subito questo massacro mediatico».