Vittorino Favaro, polizotto in pensione si toglie la vita: gli avevano sospeso la patente

di Redazione Blitz
Pubblicato il 20 Settembre 2021 13:19 | Ultimo aggiornamento: 20 Settembre 2021 13:21
Vittorino Favaro, polizotto in pensione si toglie la vita: gli avevano sospeso la patente

Vittorino Favaro, polizotto in pensione si toglie la vita: gli avevano sospeso la patente (foto Ansa)

Il poliziotto in pensione Vittorino Favaro, 62 anni, si è tolto la vita dopo la sospensione della patente. Un episodio, quello della sospensione della patente, che era diventato una sorta di ossessione per l’ex poliziotto.

Il suicidio 

L’uomo è stato trovato senza vita ella sua abitazione di Via Casoni a Mogliano Veneto, Treviso, giovedì.  L’abitazione è stata posta sotto sequestro.

Chi era Vittorino Favaro

Impiegato per anni come agente della polizia di frontiera, il 62enne era cugino dell’ex presidente della Provincia di Treviso, Leonardo Muraro.

L’uomo, come racconta Treviso Today, “aveva perso la sorella Giuliana sei anni fa, mentre la madre era mancata l’anno scorso. Aveva sempre vissuto con grande onestà e rettitudine morale. Ecco perché quell’unica multa, con relativa sospensione della patente, si era trasformata in una vera e propria ossessione per lui nelle ultime settimane, al punto da portarlo a compiere il gesto estremo costatogli la vita”.

Il dolore degli amici e dei parenti

Vittorino, racconta sempre Treviso Today, “amava lo sport, soprattutto il ciclismo, gli piaceva molto andare al mare ed era appassionato di barche a vela e di pesca. La sua scomparsa improvvisa lascia un grande vuoto nelle tante persone che avevano avuto la fortuna di conoscerlo”.