Vittorio Sgarbi infarto e angioplastica: Se non mi fermavo..

di Redazione Blitz
Pubblicato il 17 Dicembre 2015 11:10 | Ultimo aggiornamento: 17 Dicembre 2015 11:24
Vittorio Sgarbi, infarto e angioplastica: Se non mi fermavo...

Vittorio Sgarbi, infarto e angioplastica: Se non mi fermavo…

MODENA – Vittorio Sgarbi ha avuto un infarto. E l’intervento d’urgenza a cui è stato sottoposto questa notte è stato un’angioplastica.

“Se non mi fossi fermato a Modena adesso sarei morto” dice Sgarbi intervistato al telefono da La Nuova Ferrara mentre si trova ancora ricoverato al Policlinico di Modena nel reparto di terapia intensiva.

Sgarbi, al momento dell’attacco, si trovava in auto. Da Brescia era diretto a Roma. All’improvviso il malore. Il critico capisce che è una cosa seria, i sintomi sono quelli dell’infarto.

“Ho puntato sul policlinico della città emiliana e subito sono stato sottoposto all’intervento di angioplastica”, spiega Vittorio Sgarbi che aggiunge: “Tre quarti d’ora. Sono già sveglio. Sto meglio. Ho grandi capacità reattive”.

Il bollettino medico. Vittorio Sgarbi, riferisce il bollettino medico del Policlinico, si è presentato al pronto soccorso la scorsa notte alle 3.58, accompagnato dall’autista, lamentando un dolore al petto. Il critico d’arte, che ha 63 anni, è stato trattato nel reparto di Cardiologia per un’ischemia del cuore, risolta con angioplastica nel Laboratorio di Emodinamica.

“La situazione è stata affrontata prontamente e nel migliore dei modi, giungendo a risoluzione” ha sottolineato il professor Boriani, che ha voluto ringraziare il lavoro “di tutta l’equipe della Cardiologia che si è presa cura del professor Sgarbi. In particolare vorrei ricordare il dottor Carlo Cappello, il prof. Rosario Rossi e il dottor Fabio Sgura, unitamente al personale infermieristico e tecnico”. Il prossimo bollettino medico – ha fatto sapere il Policlinico – verrà diramato nella mattinata di domani.    Sgarbi avrebbe avuto proprio domani alcuni appuntamenti in Emilia-Romagna. Al mattino avrebbe dovuto aprire a Ravenna, alla Casa Matha, un convegno sui mosaici dell’ ‘Albero della vita’, a conclusione dell’esposizione che lui stesso ha curato all’Expo di Milano. Nel pomeriggio, alla libreria Ibs di Ferrara, era atteso per la presentazione del volume ‘Dal cielo alla terra. Da Michelangelo a Caravaggio. Vol.3’, edito da Bompiani.

La notizia del malore di Sgarbi era stata annunciata dal suo ufficio stampa via Facebook: “Questa notte Vittorio Sgarbi, mentre era in viaggio con il suo autista da Brescia verso Roma, ha avuto un malore ed è stato ricoverato al Policlinico di Modena, dove è stato sottoposto a un intervento chirurgico. Adesso è in terapia intensiva. Le sue condizioni sono buone. E’ stato lo stesso Sgarbi ad avvisare familiari e collaboratori. Vi terremo aggiornati nelle prossime ore”.