Vittorio Tondinelli stacca un dito al nipote. E lui lo conserva nel gelato

di Redazione Blitz
Pubblicato il 25 Maggio 2015 15:02 | Ultimo aggiornamento: 25 Maggio 2015 15:02
Litiga col nipote e gli stacca un dito. E lui lo conserva nel gelato

Litiga col nipote e gli stacca un dito. E lui lo conserva nel gelato

ROMA – Quando i carabinieri sono entrati in un appartamento di Castel Gandolfo hanno trovato un giovane di 30 anni con la mano sanguinante. E con il mignolo conservato in un gelato, nella speranza di conservarlo affinché i medici potessero riattaccarglielo alla mano.

E’ successo durante una lite a colpi di machete tra uno zio, Vittorio Tondinelli, e due nipoti, cugini tra di loro. A quanto pare la lite sarebbe stata originata dal cane di uno dei due giovani. Lo zio si sarebbe lamentato del rumore visto che tutti e tre abitano nello stesso stabile.

A un certo punto lo zio, 69 anni, ha tentato di aggredire con un machete il nipote di 28. Ed è stato a quel punto che il 30enne ha difeso il cugino alzando le mani affinché il machete non lo colpisse in testa. Ma la lama ha comunque staccato il mignolo del giovane: i medici però non hanno potuto salvargli il dito.