Vittorio Vannutelli, chiesti 8 anni. Pm: “Picchiò e marchiò a fuoco compagna”

di redazione Blitz
Pubblicato il 26 febbraio 2014 13:03 | Ultimo aggiornamento: 26 febbraio 2014 13:47
Vittorio Vannutelli

Vittorio Vannutelli

ROMA – Le ha spento addosso mozziconi di sigaretta, l’ha marchiata a fuoco, l’ha violentata, legata e insultata senza pietà. Per questo l’attore Vittorio Vannutelli, protagonista della fiction tv La Squadra, rischia ora 8 anni di carcere. A marzo del 2011 fu arrestato con l’accusa di stalking, violenza sessuale e lesioni nei confronti della sua ex compagna. Il verdetto è atteso per il prossimo 17 aprile.

Una storia agghiacciante di perversione e brutalità. Era stata proprio lei a denunciarlo: ai carabinieri della compagnia di Monteverde raccontò di quell’uomo geloso in maniera ossessiva che la obbligava a sperimentare pratiche erotiche di tipo estremo.

La storia ha inizio a dicembre 2010, quando Vannutelli, convinto dell’infedeltà della sua compagna, l’ha legata mani e piedi ad una panca da palestra, l’ha picchiata e frustata, le ha spento mozziconi di sigaretta addosso e infine l’ha costretta ad un rapporto sessuale. Il tutto ripreso da una telecamera, il cui video è stato ritrovato a casa dell’attore al momento del suo arresto.

Da quel video si evince “in maniera evidente che ad un certo punto la vittima non è più consenziente: è violenza”, ha detto il pm Bice Barborini, che ha chiesto una condanna a 8 anni di carcere. Ma non finisce qui: l’acme delle sevizie viene raggiunto il 26 febbraio 2011. Quando, in preda alla gelosia, Vannutelli ha massacrato di botte la sua compagna obbligandola a confessare i presunti tradimenti. Poi l’ha picchiata con un’asta di legno, arrivandole a spezzare il bastone addosso tanta era la violenza. E infine l’ha marchiata a fuoco con un ferro incandescente, disegnandole una V sul corpo. Come le sue iniziali.

L’incubo andrà avanti fino al settembre del 2011: in tutti quei mesi l’ha costretta a restargli accanto in uno “stato costante di ansia e paura” si legge nei capi di imputazione. Minacciandola di morte, costringendola a riferire ogni suo spostamento e a rivelargli tutte le sue password. Al momento dell’arresto i carabinieri hanno trovato il ferro con cui l’aveva sfregiata e la videocassetta. Sul suo computer anche svariato materiale pedopornografico.

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other