Viviana Parisi, per gli inquirenti possibile suicidio. Ma la famiglia non ci crede

di redazione Blitz
Pubblicato il 24 Agosto 2020 12:38 | Ultimo aggiornamento: 24 Agosto 2020 12:38
Viviana Parisi, per gli inquirenti possibile suicidio. Ma la famiglia non ci crede

Viviana Parisi, per gli inquirenti possibile suicidio. Ma la famiglia non ci crede (Foto Ansa)

Viviana Mondello, quella del suicidio è una delle ipotesi al vaglio degli inquirenti. Ma la famiglia Mondello non ci crede

Il giallo di Caronia (Messina) divide inquirenti e famiglia delle vittime: secondo i primi l’ipotesi più probabile è quella del suicidio di Viviana Parisi dal traliccio della luce. Ma la famiglia Mondello non ci crede. 

I primi esiti dell’autopsia sul corpo della donna hanno trovato fratture sul corpo compatibili con la caduta dall’alto. Ma sarà molto difficile capire se si tratti di suicidio, se Viviana Parisi si sia buttata, come fa ritenere anche la distanza del cadavere dal pilone, o sia caduta accidentalmente, come ritengono i legali della famiglia del marito Daniele Mondello.

“Al momento non si può dire nulla, sarebbe opportuno non fare illazioni”, dice l’avvocato Pietro Venuti che, anche nei giorni scorsi, ha chiesto maggiore cautela nella diffusione delle notizie.

Il riferimento è anche alle supposizioni fatte sullo stato di salute mentale della donna. Viviana Parisi era stata in cura con psicofarmaci per depressione ma, dicono i legali, non si sarebbe mai suicidata.

Omicidio-suicidio?

Resta comunque ancora misteriosa la sorte del piccolo Gioele. Una delle ipotesi al vaglio degli inquirenti è anche che possa essere stato ucciso dalla madre prima che questa si buttasse dal pilone. Ma potrebbe anche essere stato aggredito da altre persone o da animali selvatici. 

Per gli inquirenti, poi, il fatto che testimoni abbiano visto Gioele vivo tra le braccia di Viviana dopo l’incidente in galleria non esclude che nell’urto abbia potuto ferirsi gravemente.

In quel caso la madre, sotto choc, potrebbe averlo adagiato a terra prima di buttarsi giù dal traliccio e gli animali potrebbero aver fatto scempio del corpo.

Tutte ipotesi ancora da verificare: come quella dei legali della famiglia Mondello, che sospettano che il bambino sia scappato e che la madre per capire dove fosse sia salita sul traliccio e caduta accidentalmente. In quel caso Gioele avrebbe vagato tra i boschi e sarebbe morto di stenti o ucciso dagli animali. (Fonte: Ansa)