Il Vulcano Marsili è attivo, Ingv: “Necessarie nuove ricerche per valutare la pericolosità”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 14 gennaio 2014 12:37 | Ultimo aggiornamento: 14 gennaio 2014 12:37
Il vulcano Marsili

Il vulcano Marsili

ROMA – Il vulcano Marsili, il gigante sommerso nel Tirreno, 70 km di lunghezza e 30 di larghezza, il vulcano più grande del Mediterraneo e d’Europa, ” è ancora attivo” dice un lavoro scientifico pubblicato su Gondwana Research. La ricerca è frutto della collaborazione tra un gruppo di ricerca internazionale che comprende l’Istituto per l’ambiente marino costiero del Consiglio nazionale delle ricerche di Napoli (Iamc-Cnr), l’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia di Roma (Ingv), l’Universita’ Gabriele d’Annunzio di Chieti, la Schlumberger Information Solutions di Madrid, la Leibniz University di Hannover e la società Eurobuilding Spa di Servigliano.

“A questo punto sono necessarie nuove ricerche per implementare un sistema di monitoraggio che possa valutare l’effettiva pericolosità connessa a una possibile eruzione sottomarina. Non è da escludere – avverte Guido Ventura, ricercatore Ingv – che il Marsili venga inserito nella lista dei vulcani italiani attivi come Vesuvio, Campi Flegrei, Stromboli, Etna, Vulcano e Lipari”.

“L’ipotesi più accreditata dagli studiosi era quella che considerava cessata, all’incirca 100.000 anni fa, l’attività eruttiva del vulcano – dice Mattia Vallefuoco, dell’Iamc-Cnr – nel corso della missione, finalizzata ad acquisire nuovi dati sui prodotti emessi dal Marsili e sulla loro età, è stata prelevata ad una profondità di 839 metri una colonna di sedimento che ha evidenziato due livelli di ceneri vulcaniche dello spessore di 15 e 60 centimetri, la cui composizione chimica risulta coerente con quella delle lave del vulcano”

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other