Vulcano Stromboli, violente esplosioni: cenere sparata fino a 350 metri d’altezza

di Redazione Blitz
Pubblicato il 19 marzo 2018 16:36 | Ultimo aggiornamento: 19 marzo 2018 16:36
(foto d'archivio Ansa)

(foto d’archivio Ansa)

CATANIA – Nella serata di ieri, domenica 18 marzo, una violenta sequenza esplosiva ha coinvolto le bocche poste sulla terrazza craterica del vulcano Stromboli.

Tutte le notizie di Blitzquotidiano in questa App per Android. Scaricatela

La prima, alle 19:27, dalle bocche dell’area centro-sud, ha emesso abbondante cenere frammista a materiale incandescente e blocchi lavici di grosse dimensioni che sono ricaduti in zona sommitale e lungo la Sciara del Fuoco. L’esplosione ha superato un’altezza di 350 metri sopra la terrazza craterica, come evidenziato dalle telecamere di videosorveglianza dell’Osservatorio Etneo dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv-Oe) di Catania.

Circa 40 secondi dopo si è verificata una seconda esplosione dalle bocche poste nell’area craterica nord, ma di minore intensità. In questo caso è stata emessa cenere e materiale più grossolano (lapilli e bombe) che hanno raggiunto un’altezza di circa 100 metri sopra la bocca. Le esplosioni hanno generato entrambe una nube di cenere che si è dispersa rapidamente nei quadranti orientali del vulcano.

La durata della sequenza è stata complessivamente di 40 secondi circa. Violente sequenze esplosive, come quella descritta, si sono verificate anche di recente: lo scorso 7 marzo e il 26 luglio, 23 ottobre, 1 novembre, 1 dicembre del 2017.

Queste esplosioni fanno comunque parte della fenomenologia vulcanica tipica dell’attività del vulcano. Attività caratterizzata da esplosioni di variabile energia.

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other