Yara Gambirasio, Andrea Pizzocolo e gli omicidi irrisolti. Chiesto il dna del killer di Lodi

di Gianluca Pace
Pubblicato il 27 settembre 2013 12:33 | Ultimo aggiornamento: 27 settembre 2013 12:33
Yara Gambirasio e Andrea Pizzocolo

Yara Gambirasio e Andrea Pizzocolo

BERGAMO – Forse solo un caso, forse solo una coincidenza ma agli inquirenti, l’omicidio di Lavinia Simona Ailoaiei, la 18enne strangolata, stuprata (da morta) e poi abbandonata in un campo da Andrea Pizzocolo ricorda quello di Yara Gambirasio. Anche il corpo di Yara venne ritrovato abbandonato in un campo, così come quello di Lavinia Simona Ailoaiei.

Forse solo un caso, forse solo una coincidenza ma gli inquirenti hanno deciso in queste ore di comparare il dna del killer di Lodi, Andrea Pizzocolo con quello trovato sugli indumenti di Yara Gambirasio.

Andrea Pizzocolo e l’archivio degli orrori. Nascosta nella Hyundai color argento di Andrea Pizzocolo, impiegato modello presso un’agenzia di assicurazione, gli investigatori, poche ore dopo il ritrovamento del cadavere di Lavinia, hanno trovato un borsone, dentro altre telecamere e altri video. A casa di Pizzocolo altri video, altri dvd.  Ci sono altre vittime?Andrea Pizzocolo è un serial killer?

Non solo Yara Gambirasio. Gli investigatori della Squadra Mobile di Lodi hanno infatti inviato ai colleghi della Polizia scientifica di Roma i reperti con il dna dell’uomo perché vengano confrontati con tracce lasciate su luoghi di delitti rimasti insoluti negli anni scorsi. La settimana scorsa si è presentata in Questura una prostituta straniera che ha raccontato di aver scampato per un soffio la morte, chiusa in una stanza di motel assieme al ragioniere di Arese. Testimonianza ritenuta credibile dalla Procura. Gli investigatori tacciono: “No comment”.

Andrea Pizzocolo è implicato anche nell’omicidio di Yara Gambirasio? Domande, domande ancora senza risposta, aspettando l’esame del dna.