Yara Gambirasio: continuano le ricerche, sempre più lontano da casa

Pubblicato il 2 Dicembre 2010 19:54 | Ultimo aggiornamento: 2 Dicembre 2010 22:39

Yara Gambirasio

Il quartier generale delle operazioni di ricerca di Yara si è spostato in aperta campagna, lungo le sponde del fiume Brembo. Una decisione presa per consentire al palazzetto dello sport, nel cui parcheggio fino a ieri facevano base investigatori e volontari, di tornare alla normale attività. Ma anche per offrire ai volontari che continuano ad arrivare da tutta Italia (ultima un’unità cinofila da Livorno) strutture e spazi piu’ adeguati. A sei giorni dalla sua scomparsa, Yara Gambirasio, la ragazzina dalla vita perfetta e senza ombre, sembra svanita in un incubo. Ha lasciato qualche traccia nell’area, fiutata dai super segugi che hanno piu’ volte portato gli investigatori nel cantiere di un grande centro commerciale in costruzione, al confine con Mapello.

”Se i cani ci hanno portato li’ – ripete Renato Ronzoni, responsabile del soccorso alpino e speleologico bergamasco – significa che la ragazza o qualcosa che le e’ stato vicino sono passati per quell’area”. Ma il cantiere e’ stato battuto in ogni centimetro. Un locale dei parcheggi sotterranei e’ stato anche sigillato per controlli piu’ accurati. Ma non e’ uscito nulla. Le ricerche si vanno allontanando sempre piu’ da casa e dalla palestra, dove Yara e’ stata vista l’ultima volta. Si sono allargate nei comuni vicini e ora vengono battute le campagne fino a Dalmine, a una ventina di chilometri di distanza. Si e’ passati anche da Almenno San Bartolomeo e da Almenno San Salvatore. Sono state perlustrate le cave ai confini con la valle Imagna.

Vallata dopo vallata, in mezzo alla neve ghiacciata, con un freddo implacabile, i volontari della protezione civile, del soccorso alpino, cercano Yara. Gli inquirenti, coordinati dal pm Letizia Ruggeri, ricominciano ogni volta da capo per trovare un appiglio forse trascurato. Oggi hanno di nuovo sentito vicini di casa e conoscenti. E’ stato convocato anche Enrico Tironi, il giovane denunciato per procurato allarme dopo aver fornito una testimonianza ritenuta inventata. Ombre nella vita di Yara non ne sono state trovate. Le sue, fino a venerdi’ scorso, sono state le giornate della tredicenne perfetta. Nel suo ultimo tema, il cui testo viene pubblicato domani dal settimanale Panorama, Yara racconta della gita di classe al festival Bergamoscienze.

Ha preso 8 raccontando di essere rimasta molto colpita da Enigma, la sofisticata macchina usata dai tedeschi nella II guerra mondiale per cifrare i messaggi militari. Oltre allo studio, la sua vera passione e’ la ginnastica ritmica. Non aveva motivi per scappare di casa, una fuga volontaria e’ stata esclusa subito dai genitori. Cosi’ come sembra poco sostenibile che avesse appuntamento con qualcuno. Resta l’ipotesi piu’ temuta, un rapimento forse a scopo di violenza sessuale. Forse qualcuno la teneva d’occhio da tempo e conosceva i suoi orari. Sapeva che andava e tornava dalla palestra da sola. Camminando, come venerdi’ scorso, nel buio senza timore per le strade di Brembate, un paese dove si conoscono tutti ma nessuno dice nulla.