Yara Gambirasio: dna anche sulla maglietta, spunta un altro uomo

Pubblicato il 5 Giugno 2011 11:02 | Ultimo aggiornamento: 5 Giugno 2011 11:02

BREMBATE SOPRA – Trapelano nuove indiscrezioni sulle analisi degli indumenti di Yara Gambirasio effettuate dai carabinieri del Ris di Parma. Ad oltre tre mesi dal ritrovamento del corpo della tredicenne di Brembate Sopra (Bergamo) in un campo di Chignolo d’Isola (Bergamo), gli inquirenti sarebbero in possesso di almeno quattro profili genetici appartenenti a persone sconosciute.

Oltre alle due tracce di dna trovate su un guanto di Yara, ce ne sarebbero almeno altre due, una sugli slip e un’altra, maschile di razza bianca, sulla maglietta. Ancora non si sa se questi due dna appartengano o meno alla stessa persona, ne’ quali tracce biologiche (saliva, sudore, sangue, o altro ancora) siano state trovate per risalire ai profili genetici. Si tratta comunque di elementi in mano da tempo ai carabinieri, ma di cui solo ora si viene a conoscenza, poiche’ sono sempre stati coperti dal piu’ stretto riserbo. Tutte le tracce in possesso degli inquirenti sono gia’ state comparate con gli oltre duemila dna raccolti in questi mesi di indagini, purtroppo senza alcun risultato.

Sarebbero dunque tracce di persone venute a contatto con Yara, che la ragazzina molto probabilmente non conosceva, ma non e’ detto che appartengano all’assassino o agli assassini. In particolare, il dna trovato sugli slip rafforzerebbe l’ipotesi del delitto a sfondo sessuale, benche’ sia stato accertato che non si e’ consumata alcuna violenza sul corpo della ragazzina.