Yara, gli inquirenti: "Non abbiamo individuato i parenti dell'assassino"

Pubblicato il 21 Novembre 2011 16:27 | Ultimo aggiornamento: 21 Novembre 2011 16:32

BERGAMO, 21 NOV – ''Ci sono dna interessanti, sui quali si sta lavorando da tempo, ma non si può dire che siano stati trovati con certezza i parenti dell'assassino''. Gli investigatori al lavoro sull'omicidio di Yara Gambirasio, la ragazzina scomparsa il 26 novembre dello scorso anno e trovata morta tre mesi dopo, confermano la presenza di alcuni punti fermi nell'ambito della complessa indagine per risalire all'assassino della ginnasta di Brembate Sopra (Bergamo).

Come è stato scritto a piu' riprese, tra gli oltre cinquemila dna acquisiti dalle forze dell'ordine, ce ne sono alcuni che presentano dei punti di contatto con quello 'altamente indiziario' trovato sugli indumenti della vittima, ma al momento non è ancora stata accertata alcuna parentela'. I profili genetici ritenuti interessanti apparterrebbero infatti a persone che tra loro non sono legate da vincoli di parentela. Sono elementi su cui si sta lavorando, tuttavia gli esperti fanno sapere che non è raro trovare somiglianze tra dna di persone che vivono nella medesima area geografica. Questo indizio potrebbe dunque portare all'assassino, ma anche rivelarsi inutile ai fini dell'indagine.