Yasmine Seffahi, il testamento della 18enne uccisa dalla madre: “E’ come il diavolo”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 29 maggio 2018 15:15 | Ultimo aggiornamento: 29 maggio 2018 15:15
Yasmine Seffahi, il testamento della 18enne uccisa dalla madre: "E' come il diavolo"

Yasmine Seffahi, il testamento della 18enne uccisa dalla madre: “E’ come il diavolo”

ROMA – Yasmine Seffahi [App di Blitzquotidiano, gratis, clicca qui,- Ladyblitz clicca qui –Cronaca Oggi, App on Google Play], la ragazza di 18 anni accoltellata alla gola e uccisa dalla madre ad Albano Laziale, aveva paura e al 118, alcune settimane prima, aveva confessato: “Ho paura di mia madre. Lei è il diavolo. La prossima volta che verrete qui mi troverete morta”.

La tragedia si è consumata domenica a Albano Laziale.

La madre di Yasmine, 43enne marocchina, ha sgozzato la figlia, poi ha dato fuoco al loro appartamento e si è suicidata, gettandosi dal quarto piano di un palazzo in via Francia.

Yasmine Seffahi frequentava il liceo scientifico Vailati nella vicina Genzano e aveva una forte passione per il giornalismo. Nelle ultime settimane aveva anche iniziato a muovere i primi passi nell’impegno civico e politico attivandosi per la campagna elettorale del Consiglio dei giovani di Albano, le cui elezioni si sono tenute proprio nella giornata di ieri.

Secondo le indagini dei Carabinieri è emerso che, tra mamma e figlia da tempo c’erano forti attriti. Secondo le ultime indiscrezioni in passato Yasmine aveva confessato di avere paura della madre: “Ho paura di mia madre. Lei è il diavolo. La prossima volta che verrete qui mi troverete morta”.

Domenica l’ennesima, tragica, lite.

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other