Zangrillo: “L’emergenza Covid è finita da due mesi, i cittadini hanno bisogno di verità”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 14 Luglio 2020 17:07 | Ultimo aggiornamento: 14 Luglio 2020 17:07
Zangrillo: "Emergenza Covid è finita da due mesi, i cittadini hanno bisogno di verità"

Zangrillo: “L’emergenza Covid è finita da due mesi, i cittadini hanno bisogno di verità” (foto ANSA)

L’emergenza Covid è finita da due mesi. E da un mese in Lombardia non si muore più di coronavirus.

Ne è convinto il professor Alberto Zangrillo, primario della clinica San Raffaele di Milano, che aggiunge: “Evocare l’emergenza Covid porta al panico e alla morte sociale”.

In un’intervista a Il Tempo, Zangrillo dice anche che il modo di comunicare sui decessi “è scorretto e non rispecchia la realtà” perché spesso “la causa di morte è chiara a tutti ma purtroppo verrà addebitata al virus”.

D’altro canto, precisa, “tutti sanno che in Italia l’eccesso di mortalità da Sars Cov2 è fortunatamente azzerato da due mesi”.

E poi Zangrillo aggiunge: “Attenzione, distanziamento, massima prudenza, rispetto delle regole ma rispettiamo anche la verità”.

Al giornalista, che gli fa notare come invece i dati della Protezione civile continuano a riportare i decessi anche in Lombardia, Zangrillo risponde che si tratta di un errore di comunicazione.

Lo sbaglio infatti, secondo il primario, è registrare come “morto per Covid” qualsiasi vittima positiva al tampone.

E fa un esempio: “Se il nonno di Pierino muore in seguito a un incidente stradale, ma in ospedale prima del decesso risulta positivo al tampone, viene registrato come una vittima del Covid, anche se è evidente che la causa del decesso è altra”.

Zangrillo: “I cittadini hanno bisogno di verità”

Secondo il primario del San Raffaele oggi “i cittadini hanno bisogno di verità: se dichiarare pubblicamente che il virus, in Italia, non produce gli stessi problemi di tre mesi fa equivale ad essere ritenuto irresponsabile, mi assumo volentieri questa responsabilità soprattutto perché è condivisa da circa 400 medici ed infermieri che hanno lavorato e lavorano al mio fianco dal 21 febbraio dando un importante contributo ad un dibattito scientifico costruttivo e non di parte”, sostiene il primario. (fonte AGI)