Cronaca Italia

Zhang Yao morta a Roma, fermato il terzo scippatore

Zhang Yao morta a Roma, fermato il terzo scippatore

Zhang Yao morta a Roma, fermato il terzo scippatore (Foto da Facebook)

ROMA –  E’ stato fermato dalla polizia di Roma il terzo presunto autore dello scippo alla studentessa cinese Zhang Yao, morta il 5 dicembre scorso dopo essere stata travolta da un treno alla periferia della capitale mentre rincorreva i ladri che le avevano rubato la borsetta. Si tratta di un giovane di 19 anni anche lui residente nel campo nomadi di via Salviati come gli altri due giovani individuati nei giorni scorsi.

L’uomo si era allontanato dall’insediamento dopo lo scippo ed è stato rintracciato oggi, a 20 giorni dall’incidente.

Ricorda l’agenzia AdnKronos: 

Il 17 dicembre scorso era stato eseguito un fermo, successivamente convalidato, nei confronti di R.G., di 20 anni, pregiudicato per reati contro il patrimonio, che viveva nel campo nomadi di via Salviati. Contestualmente è stato indagato in stato di libertà per lo stesso reato un minore di 16 anni, che vive nello stesso campo nomadi. Le attività sono proseguite per rintracciare il terzo responsabile, S.S., anche lui residente nel campo nomadi di via Salviati, da cui si era allontanato subito dopo i fatti.

Gli ultimi istanti di vita della studentessa sono stati ripresi da alcune telecamere che, allo stato, sono l’unica prova sulla tragica morte della ragazza: si vede l’impatto fortissimo con il treno in transito e il corpo della giovane che ruota su se stesso prima di finire nel dirupo dove è stata ritrovata.

Dalle immagini non si vedrebbero persone avvicinarsi al corpo della ragazza dopo essere stata travolta dal convoglio. A quanto ricostruito la ragazza, dopo essere uscita dall’Ufficio immigrazione dove aveva preso il permesso di soggiorno, è stata scippata all’ interno del stazione e ha rincorso i ladri finendo sui binari dove è stata sbalzata dal treno in transito.

To Top