Zingonia, rifiuti e devastazione dopo il rave party: 100 denunce

di Redazione Blitz
Pubblicato il 4 Novembre 2013 12:06 | Ultimo aggiornamento: 4 Novembre 2013 12:25
Zingonia, rifiuti e devastazione dopo il rave party: 100 denunce

Zingonia, rifiuti e devastazione dopo il rave party: 100 denunce

BERGAMO – Un rave party lungo tre giorni quello di Zingonia, in provincia di Bergamo, che ha portato rifiuti e devastazione nell’ex area industriale occupata. Un rave party iniziato nella notte di Halloween del 3 ottobre e che si è concluso domenica. Dopo i controlli della polizia sarebbero già cento le denunce.

Una media di 700 giovani al giorno provenienti da tutta Europa, “accolti” anche dai carabinieri di Treviglio, che nei tre giorni hanno identificato una serie di presunti responsabili dell’occupazione abusiva.

Pietro Tosca sul Corriere della Sera nell’edizione di Bergamo scrive:

“Gli organizzatori, dopo aver caricato 5 camion con casse acustiche, luci e generatori di corrente, hanno provato a scappare imboccando una via contromano solo per trovarla sbarrata dai militari. Solo a bordo di quei camper c’erano una ventina di persone denunciate per invasione di edificio abbandonato e danneggiamenti”.

Denunciato anche Lorenzo Rinaldi, che si è lanciato con un auto contro il palco della discoteca allestita nel capannone, ferendo un musicista:

“olo per un miracolo c’è stato un unico, lieve ferito. Dopo la bravata Rinaldi si era dato alla fuga evitando per un soffio il linciaggio. È stato trovato dai militari di Zingonia all’alba a Ciserano, nascosto in un canale in cui ha trascorso la notte. Dice di non ricordare nulla. È stato denunciato per lesioni aggravate”.

È rientrato invece l’allarme violenza che riguardava una ragazzina. In stato confusionale, si era allontanata con un extracomunitario. Le amiche preoccupate avevano chiamato il 112. I militari sono riusciti a rintracciare l’abitazione dove era stata portata, scoprendo però che era stata male e l’immigrato l’aveva soccorsa. Pietro Tosca