A soli 11 anni finisce sotto la protezione della polizia per colpa della Rete

Pubblicato il 19 luglio 2010 16:12 | Ultimo aggiornamento: 19 luglio 2010 18:29

Un video postato su YouTube visto da quasi due milioni di utenti, ha fatto finire una ragazzina americana si 11 anni sotto la protezione della polizia.

Inizia tutto con una serie di video che in poche settimane rendono molto popolare Jessi Slaughter, questo lo pseudonimo scelto dalla ragazza della Florida per i suoi interventi online. Il successo però le attira contro anche diversi detrattori che, a partire dal sito 4chan.org, iniziano una battaglia online contro la Slaughter fino a scatenare l’ira del padre della ragazza che interviene via YouTube a difesa della figlia.

A questo punto vengono messi sul web, in risposta alla difesa del padre, i dati anagrafici, l’indirizzo mail e il cellulare della ragazza. Il caso passa alla polizia quando il telefono di Jessi viene inondato da telefonate minatorie e le autorità locali lanciano un’indagine.

Ora la ragazza vive sotto protezione : un giudice le ha proibito anche l’utilizzo di internet. A soli 11 anni, Jessi è  probabilmente la più giovane utente della rete a cui viene proibita per decisione di un giudice: