Fbi rivela nome di un funzionario saudita implicato negli attentati dell’11 settembre

di Caterina Galloni
Pubblicato il 16 Maggio 2020 6:45 | Ultimo aggiornamento: 15 Maggio 2020 17:34
Fbi rivela nome di un funzionario saudita implicato negli attentati dell'11 settembre

Fbi rivela nome di un funzionario saudita implicato negli attentati dell’11 settembre (foto ANSA)

ROMA – L’FBI ha rivelato per errore il nome di un ex funzionario dell’ambasciata saudita sospettato di aver aiutato due dirottatori di Al Qaeda negli attacchi terroristici dell’11 settembre.

Secondo Yahoo News, l’errore è stato commesso in una recente declassificazione in risposta a una causa legale da parte delle famiglie delle vittime dell’11 settembre che hanno accusato il governo saudita di essere complice degli attacchi terroristici.

Nel documento, secretato fino alla scorsa settimana, gli avvocati hanno dimenticato di nascondere il nome di Mussaed Ahmed al-Jarrah, assegnato all’ambasciata saudita a Washington, DC, nel 1999 e nel 2000.

Le autorità sospettavano che al-Jarrah, la cui posizione è attualmente sconosciuta, avesse incaricato due persone di aiutare Nawaf al-Hazmi e Khalid al-Mihdhar a stabilirsi negli Stati Uniti prima degli attacchi.

Al-Hazmi e al-Mihdhar hanno partecipato al dirottamento dell’aereo dell’American Airlines che ha sorvolato il Pentagono, uccidendo 125 persone.

La classificazione mirava a supportare il desiderio del Dipartimento di Giustizia di mantenere segreta l’identità del funzionario.

Fahad al-Thumairy e Omar al-Bayoumi sono stati indagati per aver aiutato i dirottatori mentre il nome di un terzo uomo è stato secretato ma si ritiene che si tratti di un alto funzionario governativo a Riyadh.

Le autorità statunitensi sospettano che al-Jarrah sia il “terzo uomo”.

All’epoca, al-Thumairy, funzionario e religioso radicale dell’Arabia Saudita, era l’imam della moschea di re Fahd a Los Angeles e al-Bayoumi era un sospetto agente del governo saudita.

Secondo il rapporto del 2012, gli agenti dell’FBI avevano scoperto delle “prove” che Thumairy e Bayoumi erano stati “incaricati” di aiutare i dirottatori da un’altra persona e che al-Hazmi e al-Mihdhar erano andati a Los Angeles nel gennaio 2000.

Yahoo ha riferito che una volta arrivati a Los Angeles, al-Bayoumi trovò loro un appartamento, prestò loro denaro e aprì dei conti bancari.

La dichiarazione rilasciata ad aprile alla Corte federale da Jill Sanborn, direttrice aggiunta della divisione anti-terrorismo, rappresenta la prima conferma pubblica che il “terzo uomo” era un diplomatico saudita.

Secondo Yahoo, la dichiarazione fornisce la conferma che gli agenti dell’FBI ritenevano di aver scoperto un legame tra i dirottatori e l’ambasciata saudita a Washington.

Sebbene l’FBI abbia confermato che la divulgazione del nome del funzionario è stata fatta per errore, la dichiarazione solleverà probabilmente degli interrogativi riguardanti possibili collegamenti dei sauditi agli attacchi terroristici.

Il governo saudita ha ripetutamente negato qualsiasi coinvolgimento negli attacchi.

Il rapporto della Commissione sull’11 settembre non ha trovato “nessuna prova che il governo saudita come istituzione o alti funzionari sauditi finanziassero individualmente” gli attacchi di al-Qaida ma la commissione ha osservato “la possibilità” che ricevesse un sostegno finanziario o logistico da parte di personalità saudite.

Brett Eagleson, un portavoce delle famiglie dell’11 settembre il cui padre è stato ucciso negli attacchi, ha dichiarato a Yahoo:”Ciò dimostra che c’è stato un completo occultamento da parte del governo”. (Fonte: Daily Mail)