21 dicembre 2012: asteroidi e tempeste solari. Le profezie per la fine del mondo

Pubblicato il 18 Dicembre 2012 10:39 | Ultimo aggiornamento: 18 Dicembre 2012 17:28
21 dicembre 2012: asteroidi e tempeste solari. Le profezie per la fine del mondo21 dicembre 2012: asteroidi e tempeste solari. Le profezie per la fine del mondo

21 dicembre 2012: asteroidi e tempeste solari. Le profezie per la fine del mondo

ROMA – La Fine del Mondo è vicina! Mancano pochi giorni al 21 dicembre 2012 e tra le tante teorie su questa profezia Maya, molti nel web optano giustamente per quella dell’ironia.

Alcune persone hanno organizzato appositi viaggi o feste, altri hanno realmente paura e si rinchiuderanno in rifugi con tanto di kit di sopravvivenza. 

Sono molte le teorie sulla distruzione del nostro pianeta: asteroidi contro la Terra, scenari apocalittici, alieni famelici.

La scienza ha svelato da tempo che si tratta di una bufala: massimo rispetto per la storia dei Maya ma non si può ovviamente decretare con precisione la fine del mondo con una predizione millenaria.

Inoltre si dovrebbe cercare di capire cosa avrebbe voluto significare la fine del mondo per un popolo così antico.

Alcune profezie sono già state confutate. Pochi giorni fa c’è stato il ravvicinato passaggio dell’asteroide Tautatis vicino al nostro pianeta, molti si attendevano scenari catastrofici ma in realtà non è successo nulla.

Nello spazio ci sono molti asteroidi, grandi e piccoli, che di tanto in tanto si avvicinano alla Terra. Secondo alcune teorie l’asteroide Nibiru sarebbe particolarmente pericoloso per la nostra incolumità ma in realtà è un pianeta inesistente e per questo motivo non costituirà alcun pericolo per noi.

Molte persone hanno già scelto di rifugiarsi in un paesino francese di nome Bugarachsituato sui Pirenei che, secondo gli esperti di esoterismo, sarà l’unico luogo del pianeta a scampare alla fine del Mondo. Gli alberghi della zona ringraziano di cuore i Maya.

Infine dobbiamo annotare come queste teorie potrebbero  essere intese non come una fine del Mondo vera e propria, ma semplicemente come un cambiamento degli stili di vita degli esseri umani.