Mosul. Onu, 400 donne nelle mani dell’Isis a Tal Afar, civili spostati in Siria

Pubblicato il 4 novembre 2016 16:08 | Ultimo aggiornamento: 4 novembre 2016 16:08
Donne a Mosul

Donne a Mosul

SVIZZERA, GINEVRA – Quattrocento donne sono nelle mani dell’Isis a Tal Afar. Lo denuncia la portavoce dell’Alto Commissario Onu per i diritti umani Ravina Shamdasani che non ha potuto fornire informazioni supplementari sulla loro situazione sottolineando però che si tratta di una popolazione particolarmente vulnerabile: «sono donne ed appartengono a minoranze», ha detto.

Citando nuovi rapporti, la portavoce ha affermato che l’Isis continuebbe a trasferire con la forza numerosi civili: in particolare, martedì scorso, circa 1.600 persone sarebbero state trasferite a bordo di camion da Hamam al-Alil a Tal Afar. Ad alcune di queste famiglie è stato detto che sarebbero state trasportate in Siria, ha aggiunto la portavoce esprimendo il timore che l’Isis pianifichi di prendere i civili sulla strada del ripiego per usarli come scudi umani e proteggersi da attacchi aerei.

Le Nazioni Unite hanno anche ricevuto segnalazioni di morti civili causati da raid aerei della coalizione, incluso un raid mercoledi’ scorso che avrebbe ucciso quattro donne e ferito altri 17 civili nel quartiere di al-Qudus di Mosul. Infine, stando agli ultimi dati resi noti dall’Organizzazione internazionale per le migrazioni (Oim), il numero di sfollati in fuga dagli scontri a Mosul è salito ad oltre 22.224 dal 17 ottobre, data di inizio dell’offensiva contro l’Isis.

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other