Profughi dalla Libia, l’affare si intorbida. È la Guardia Costiera che…

di Redazione Blitz
Pubblicato il 2 agosto 2017 12:42 | Ultimo aggiornamento: 2 agosto 2017 12:42
Profughi dalla Libia, l'affare si intorbida. È la Guardia Costiera che...

Profughi dalla Libia, l’affare si intorbida. È la Guardia Costiera che…

ROMA – Profughi dalla Libia, l’affare si intorbida. È la Guardia Costiera italiana di intervenire a salvare i profughi sui barconi e a indicare alle navi delle Ong gli interventi da fare nelle acque libiche. Il pasticcio profughi e migranti si fa più torbido dopo l’intervista alla Stampa del capo della Ong Medici senza frontiere, Emilie Dubuisson, responsabile di Medici senza frontiere per i contatti con le prefetture.

“I salvataggi – afferma Dubuisson – li facciamo esclusivamente su indicazione della Guardia costiera italiana. È nostra intenzione rispettare la legge, ma non potremmo mai ospitare a bordo polizia armata”. Emilie Dubuisson aggiunge: “Non abbiamo firmato il Codice di condotta delle Ong, ma il nostro impegno nel salvare vite umane non si ferma. In questo momento le nostre due navi sono a 20 miglia dalla costa libica in attesa che la guardia costiera italiana ci chieda di intervenire in caso di bisogno”.

“Il Regolamento non è una legge e nonostante non siano ancora chiare le misure del ministero dell’Interno contro chi non ha firmato, noi siamo tranquilli perché rispettiamo le leggi internazionali e quelle nazionali. La nostra attività si svolge nel totale rispetto delle regole.

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other