Alessandro Bozzato chiede aiuto dal Messico: “Sono nascosto. Se mi trovano mi ammazzano”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 15 gennaio 2018 23:54 | Ultimo aggiornamento: 15 gennaio 2018 23:54
messico-bozzato

Alessandro Bozzato chiede aiuto dal Messico: “Sono nascosto. Se mi trovano mi ammazzano”

ROMA – “Ora sono nascosto, non ho documenti. Datemi una mano, portatemi in Italia prima che mi ammazzino qui”. E’ l’ultimo di una lunga serie di messaggi e video inviati dal Messico alla sorella, in Italia, da un imprenditore rodigino, Alessandro Bozzato, che sarebbe coinvolto nel paese sudamericano in una pericolosa vicenda di criminalità e denaro, dai contorni ancora poco chiari.

L’uomo, 52 anni, vive a Città del Messico. Da sabato, anticipa il ‘Resto del Carlino‘, le comunicazioni con la sorella Erica, residente a Cavarzere (Venezia), si sono interrotte, tanto che la donna teme per la vita del fratello: “Ho provato a chiamarlo – racconta – ma il cellulare risulta staccato”. Della vicenda sono stati informati i carabinieri di Cavarzere, che hanno trasmesso gli atti al sostituto procuratore di Venezia Carlotta Franceschetti.

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other