Obama non credeva al pericolo Isis? La Cia scriveva tutto Ok

di redazione Blitz
Pubblicato il 11 Settembre 2015 7:43 | Ultimo aggiornamento: 11 Settembre 2015 8:25
50 spie Usa accusano: "Falsificati report Isis per Obama"

50 spie Usa accusano: “Falsificati report Isis per Obama”

WASHINGTON – Report dell’intelligence su Isis e Nusra, il braccio di Al Qaeda in Siria, sarebbero stati “riadattati” da ufficiali dell’esercito americano per andare incontro alla linea pubblica dell’amministrazione Obama. E’ la denuncia contenuta in una lettera indirizzata all’ispettore generale del Dipartimento della Difesa. Ne parla il sito di informazione americano Daily Beast.

Il reclamo, presentato da due analisti dell’agenzia Centcom, parla di dati falsificati prima di essere sottoposti al presidente Obama, presentando i gruppi terroristici come più deboli di quanto in realtà gli analisti ritengano. La lettera è stata appoggiata da 50 spie a libro paga del Pentagono che da mesi lamentano un’eccessiva politicizzazione dell’intelligence.

Alcuni analisti, in servizio alla Centcom già dai tempi della seconda guerra in Iraq, parlano nientemeno che di un deja-vu: all’epoca i report dell’intelligence opportunamente “riadattati” suggerirono che l‘Iraq fosse in possesso di armi di distruzione di massa, offrendo a George W. Bush il movente per dichiarare guerra a Baghdad.