Adolf Hitler non era morto nel bunker ma vivo in Sudamerica: documento Cia riapre il caso

di Redazione Blitz
Pubblicato il 30 ottobre 2017 13:39 | Ultimo aggiornamento: 30 ottobre 2017 13:39
hitler-cia

Il documento della Cia su Hitler

ROMA – Tra i file desecretati della Cia, ce n’è uno che potrebbe riscrivere le pagine di storia: Adolf Hitler fu contattato in Colombia alla metà degli anni Cinquanta da un informatore dei servizi segreti americani. Nei documenti anche una foto del dittatore.

A dirlo un agente della Cia in Sudamerica, nome in codice Cimleody-3 che, stando a quanto riportato dal file contenuto fino ad ora negli archivi di Stato, avrebbe avuto notizie abbastanza certe della presenza in Colombia del dittatore tedesco. Nel documento si legge “Cimelody-3 è stato contattato il 29 settembre 1955 da un amico di fiducia che ha servito sotto il suo comando in Europa e che attualmente risiede a Maracaibo”.

Hitler ancora vivo in Sudamerica

“L’amico di Cimelody-3” – continua il documento riportato da Mirror – “ha affermato che durante l’ultima parte del settembre 1955, Phillip Citroen, ex ufficiale delle SS, gli ha detto in via confidenziale che Adolph Hitler è ancora vivo. Citroen ha sostenuto di aver avuto un contatto con Hitler in Colombia durante un suo viaggio da Maracaibo verso quel Paese come impiegato della Knsm (Royal Dutch) Shipping Co. Ha poi sostenuto che Hitler ha lasciato la Colombia per l’Argentina introno a gennaio del 1955”.

La foto che ritrarrebbe Hitler

A questa notizia, si aggiunge poi una foto giunta nelle mani dell’agente Cia in Sudamerica in cui a essere ritratto sembrerebbe essere proprio il leader nazista. “Il 28 settembre 1955, l’amico di Cimelody-3 ha ottenuto la fotografia citata. Il 29 settembre 1955, la foto è stata mostrata a Cimelody-3 per ottenere la sua reazione alla possibile veridicità di questa fantastica storia”.

Nel report declassificato dell’intelligence americana, c’è questa foto allegata in cui effettivamente appare un personaggio che dai lineamenti sembra essere Hitler. La didascalia nel retro della foto riporta testualmente “Adolf Schrittelmayor, Tunga, Colombia, America del Sud, 1954”. Seduto accanto a lui quello che dovrebbe essere l’ex ufficiale delle Ss, Phillip Citroen, e cioè la fonte dell’informazione.

Gli Stati Uniti nessuna smentita

 

 

 

Dagli Stati Uniti non sembrano arrivare conferme sulla fuga di Hitler in Argentina, eppure sono in molti, anche tra i funzionari e gli accademici, a ritenere che in realtà i sovietici non abbiano mai ucciso Hitler ed Eva Braun né bruciato i loro corpi. Nel 2009, Nick Bellantoni, archeologo dell’università del Connecticut, studiando per la prima volta il frammento di teschio in possesso dei russi, disse chiaramente che era molto probabile che quel teschio in realtà appartenesse a una giovane donna e non fosse del dittatore. Dubbi che, insieme alla foto pubblicata dal sito della Cia, potrebbero far esplodere ancora di più le speculazioni sulla fine di Adolf Hitler.

 

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other