Afghanistan, 4 soldati Usa uccisi. Avvio dei negoziati di pace insanguinato

di Redazione Blitz
Pubblicato il 19 Giugno 2013 1:25 | Ultimo aggiornamento: 19 Giugno 2013 1:27
Afghanistan, 4 soldati Usa uccisi. Avvio dei negoziati di pace insanguinato

Afghanistan, 4 soldati Usa uccisi. Avvio dei negoziati di pace insanguinato (Lapresse)

KABUL – Quattro soldati americani sono stati uccisi in Afghanistan in un attacco contro la base aerea di Bagram, 60 km a nord di Kabul. L’agguato insanguina in partenza i negoziati di pace a meno di due giorni dall’avvio dei colloqui di Doha, annunciati dall’amministrazione Obama.

Secondo un responsabile della Difesa americana, i soldati sono rimasti uccisi sotto il lancio di razzi o di colpi di mortaio sparati dagli insorti. La notizia giunge a poche ore dalle parole del presidente Usa Barack Obama che, dal vertice del G8, si era detto soddisfatto dell’apertura del negoziato con i talebani ma anche consapevole della profondità delle ferite da curare, dopo dodici anni di guerra e le truppe Nato ancora sul campo. E a stretto giro di boa era arrivata anche la conferma dai talebani che, in un comunicato, sostenevano una soluzione politica al conflitto in Afghanistan e gli sforzi per “ripristinare la pace”. Il portavoce Zabihullah Mujahid ha quindi sottolineato la volontà degli insorti di aprire contatti con la comunità internazionale.

Washington, comunque, vuole che i talebani e i gruppi fondamentalisti rompano con Al Qaeda, mettano fine alle violenze e accettino la Costituzione afghana, compresa la parte che riguarda la tutela delle donne e delle minoranze. Il dialogo si preannuncia teso e difficile: troppo rigide le condizioni per i talebani e troppo amaro il boccone dell’agguato di Bagram per gli Usa. I soldati americani in Afghanistan sono ancora circa 66 mila.