Orrore in Afghanistan: decapitati dai talebani due bambini di 6 e 12 anni

Pubblicato il 31 agosto 2012 22:32 | Ultimo aggiornamento: 31 agosto 2012 22:33

Bomb explosion killed four people in PeshawarKABUL  – Episodi raccapriccianti continuano a segnare la vita quotidiana in Afghanistan dove il conflitto interno si mescola in modo spesso indecifrabile con la criminalità comune. In questo contesto, c’è anche chi decapita dei bambini. Venerdì 31 agosto, è stata diffusa la notizia di due bambini, uno di 12 anni e una di 6, che sono stati decapitati ed abbandonati nelle province, lontane fra loro, di Kandahar e Kapisa.

Il portavoce del governo provinciale di Kandahar, Jawid Faisal, ha detto ai giornalisti che non vi sono dubbi che il bambino sia stato decapitato mercoledì 29 dai talebani, ”per vendicarsi del fatto che il fratello maggiore si fosse arruolato nella polizia afghana”. Lo stesso Faisal ha aggiunto che sconosciuti hanno bloccato il piccolo mentre dal distretto di Zherai si stava recando a quello di Panjwai. Il suo cadavere, si è infine appreso, è stato abbandonato sul ciglio della strada.

Soltanto qualche settimana fa, ha concluso, gli insorti avevano riservato lo stesso trattamento ad un ragazzo di 14 anni nel distretto di Zherai, dopo averlo accusato di aver spiato a favore del governo afghano. Più misterioso, e se possibile ancora più assurdo, il caso della bimba decapitata nella provincia di Kapisa. Abdul Hakim Akhundzada, capo del distretto di Tagab della provincia di Kapisa, ha fornito durante una conferenza stampa gli scarni elementi disponibili. Il corpo della bambina di cui non è nota l’identita’, ha detto, ”è stato trovato in un giardino del villaggio di Jalu Khel”. Oltre ad avere la testa staccata dal corpo, ha poi indicato, ”gli inquirenti hanno constatato che il cadavere aveva subito anche la mutilazione delle due gambe”. Non è ancora possibile dire, ha concluso Akhundzada, ”chi può essere stato responsabile di questo orrendo crimine”.

Nella vicenda del massacro delle 17 persone sgozzate il 26 agosto durante una festa nel distretto di Kajaki, nella provincia di Helmand, la responsabilità è stata ufficialmente addossata ai talebani, che pero’ l’hanno vigorosamente respinta. Resta il fatto che i civili, e soprattutto i bambini, continuano ad essere i protagonisti involontari di questa crisi. Secondo l’ultimo rapporto dell’ufficio Onu in Afghanistan, infatti, quasi il 30% delle vittime della violenza nel paese sono donne o bambini e che questo fenomeno continua ad avere ”livelli allarmanti”.

Atroce anche la sorte toccata ad almeno 12 soldati pachistani, di cui le autorità avevano perso le tracce – insieme ad altri 3 – da tre giorni, in seguito agli scontri con i talebani nel distretto tribale di Bajaur, nel nord-ovest del Paese, in un’operazione dell’esercito scattata per cacciare dalla zona dei talebani arrivati la scorsa settimana dalla provincia afghana di Kunar. In un video raccapricciante, annunciato dal Movimento dei Talebani del Pakistan (Ttp) nei giorni scorsi e inviato oggi all’Afp, uomini armati mostrano 12 teste per terra. Un comandante recita versi del Corano e rivendica: ”Abbiamo ucciso soldati infedeli, 12 sono stati decapitati”.

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other