Afghanistan. Drogato litiga con la moglie e le taglia la testa con una falce

Pubblicato il 23 Marzo 2015 18:08 | Ultimo aggiornamento: 23 Marzo 2015 18:08
Una falce

Una falce

AFGHANISTAN, KABUL -Voleva impedirgli di vendere un tappeto per comprarsi della droga, il marito l’ha decapitata con una falce prima di darsi alla fuga. Lo riferisce l’agenzia di stampa afghana Pajhwok.

L’uxoricidio è avvenuto sabato sera a Pul-i-Khumri, nella provincia settentrionale di Baghlan, in Afghanistan, ha confermato la direttrice del Dipartimento provinciale per gli Affari femminili, Khadija Yaqin.

La responsabile ha aggiunto che la coppia viveva insieme da dieci anni e aveva cinque figli e, senza entrare in particolari, ha indicato che l’omicidio è avvenuto al termine di una lite famigliare.

Da parte sua un residente del quartiere, Mohibullah, ha rivelato che l’uomo, di nome Habibhullah, “era un tossicodipendente.

Aveva già venduto tutto quanto c’era in casa e la moglie ha cercato di impedirgli di disfarsi dell’ultima cosa che restava loro, un tappeto”. Per questo, ha concluso, “il marito si è infuriato, ha impugnato la falce e l’ha decapitata moglie”.