Afghanistan. Duri scontri tra talebani e Isis ad est, migliaia in fuga

Pubblicato il 15 Giugno 2015 10:43 | Ultimo aggiornamento: 15 Giugno 2015 10:43
Combattenti Isis in Afghanistan

Combattenti Isis in Afghanistan

AFGHANISTAN, KABUL – Duri scontri fra militanti talebani e dell’Isis nella provincia orientale afghana di Nangarhar stanno causando l’esodo forzato di migliaia di persone dal distretto di Bati Kot, principalmente verso il capoluogo Jalalabad. Lo riferisce lunedi il portale di notizie Khaama Press.

Il portavoce del governo provinciale, Ahmad Zia Abduzai, ha confermato che la fuga riguarda “molte centinaia di famiglie che abbandonano le loro case dirigendosi verso i centri abitati più grandi di Nangarhar”. Lo stesso responsabile ha aggiunto che gli scontri armati durano da settimane e che entrambe le parti hanno subito pesanti perdite.

L’emergenza, ha sottolineato, ora riguarda gli aiuti di prima necessita’ da distribuire ai profughi che nei luoghi di arrivo hanno bisogno di tutto.

5 x 1000

In una recente intervista alla tv russa l’ex presidente afghano Hamid Karzai ha sostenuto che “se nei prossimi giorni, mesi o anni, si sentirà che l’Isis si sta rafforzando in Afghanistan e che si sta espandendo anche militarmente, vorrà dire che si tratta di una forza sostenuta da qualche Paese straniero che vuole destabilizzare la regione, particolarmente l’Asia centrale, la Cina e la Russia.