Aids, Charlie Sheen rischia class action delle ex

di redazione Blitz
Pubblicato il 19 Novembre 2015 13:25 | Ultimo aggiornamento: 19 Novembre 2015 13:27
Aids, Charlie Sheen rischia class action delle ex

Charlie Sheen

LOS ANGELES – Dopo la confessione in televisione sulla sua sieropositività, Charlie Sheen rischia di trovarsi ad affrontare un altra difficoltà non da poco: una class action di alcune sue ex che sostengono di aver fatto l’amore con lui senza essere state informate sul suo stato di salute.

A guidare le donne, secondo quanto scrive il sito di gossip statunitense Tmz, sarebbe Gloria Allred, avvocato che ha già condotto la guerra legale di 28 delle oltre 40 donne che accusano  l’attore comico Bill Cosby di molestie sessuali. Del gruppo sembra faccia parte anche la ex pornostar Bree Olson, che però non dovrebbe essere stata infettata. Altre prostitute, invece, sostengono che l’attore propose loro di pagarle di più se avessero accettato di fare sesso senza preservativo pochi giorni prima del 3 maggio del 2011, quando Sheen ebbe la diagnosi.

Secondo vari quotidiani, dal maggio del 2011, quando scoprì di essere sieropositivo, Sheen avrebbe speso 1,6 milioni di dollari in prostitute. Questo, scrive RadarOnline, in un periodo in cui era dipendente dalla droga, dagli alcolici e dal sesso. Adesso l’attore americano rischia una causa per frode e trasmissione colposa di malattia sessuale. 

Durante l’intervista alla Nbc Sheen aveva detto:

“Da quando ho saputo di essere sieropositivo ho avuto rapporti non protetti solo con due persone. Entrambe, informate precedentemente da me sul mio stato, sono state monitorate dal mio medico”.

Una di loro è Amanda Bruce, un’infermiera che ebbe con Sheen una lunga relazione e che sostiene di essere stata tranquillizzata sui rischi minimi di contagio:

“Siamo stati insieme per lungo tempo e andavamo a letto ogni giorno. Inizialmente non ci proteggevamo poi quando la nostra diventò una relazione esclusiva decidemmo di avere rapporti non protetti”.