Alfano: 30 “italiani” jihadisti combattono in Siria

di Redazione Blitz
Pubblicato il 18 Giugno 2014 16:37 | Ultimo aggiornamento: 18 Giugno 2014 16:40
Alfano: 30 "italiani" jihadisti in Siria

Angelino Alfano (Foto Lapresse)

ROMA – “Ci sono trenta persone residenti in Italia tra i jihadisti che combattono in Siria“: lo ha detto il ministro dell’Interno, Angelino Alfano, spiegando che

“sono circa 2.300, secondo stime di Europol, i giovani estremisti islamici che dai Paesi dell’Unione europea hanno raggiunto la Siria per unirsi alle diverse formazioni attive in quel conflitto”.

Tra gli italiani anche Giuliano Delnevo, convertitosi all’Islam, morto in Siria nel giugno dello scorso anno.

“Come più volte riscontrato nell’ambito delle indagini di settore condotte soprattutto in Lombardia ed Emilia-Romagna, i ‘reduci’ si avvalgono dell’esperienza operativa acquisita e del carisma di ex combattenti per radicalizzare gli individui più vulnerabili, costituire reti attive nel reclutamento di volontari o pianificare progettualità terroristiche nei Paesi di residenza. In tale ambito investigativo, è in atto un intensissimo scambio informativo tra il nostro Antiterrorismo e le analoghe strutture degli altri Paesi europei, in particolare con Germania, Austria e Francia, colpiti in misura più intensa dal fenomeno dei ‘foreign fighters’, da cui pare si sia generato anche il tragico attentato stragista del 24 maggio scorso al Museo ebraico di Bruxelles”.

Inoltre, ha sottolineato il titolare del Viminale,

“anche con il supporto informativo della nostra intelligence e il coordinamento dell’Autorità giudiziaria, sono costantemente monitorati vari soggetti sospettati di essere intenzionati a prendere parte al conflitto siriano”.

“Sul piano dell’analisi e della prevenzione del fenomeno importante è l’attività svolta dal C.A.S.A. (Comitato di analisi strategica antiterrorismo), che prende in esame ogni minaccia che si presenti in tale specifico ambito, favorendo lo scambio informativo tra le strutture specializzate delle diverse Forze di Polizia e promuovendo una serie di mirate iniziative dirette a migliorare le attività di individuazione degli aspiranti combattenti e a neutralizzarne la pericolosità”.

Sotto il profilo della cooperazione in ambito europeo, Alfano ha evidenziato

“come la delegazione italiana al Gruppo Terrorismo, in vista del semestre di Presidenza italiana del Consiglio Europeo, abbia già diffuso tra gli Stati Membri un progetto finalizzato alla costituzione di una Squadra Multinazionale ad Hoc, iniziativa accolta con particolare favore dal Coordinatore europeo per la lotta al terrorismo Gilles de Kerchove. In sintesi, il progetto prevede la creazione di stabili gruppi di lavoro formati da investigatori dei diversi Paesi interessati al fenomeno perché possano scambiarsi tempestive informazioni nonché pianificare e attuare idonei meccanismi di contenimento della minaccia”.