Alice Gruppioni, uccisa negli Usa in luna di miele: condannato l’investitore

di Redazione Blitz
Pubblicato il 6 Giugno 2015 9:08 | Ultimo aggiornamento: 6 Giugno 2015 9:56
Alice Gruppioni, uccisa negli Usa in luna di miele: condannato l'investitore

Alice Gruppioni, uccisa negli Usa in luna di miele: condannato l’investitore

LOS ANGELES – E’ stato giudicato colpevole di omicidio di secondo grado l’uomo che il 3 agosto 2013 investì con la sua auto e uccise sul lungomare di Venice Beach in California l’imprenditrice bolognese Alice Gruppioni, che si trovava lì in viaggio di nozze.

La sentenza è stata presa venerdì dal tribunale di Los Angeles contro Nathan Campbell, un vagabondo pregiudicato di 39 anni del Colorado, drogato e alcolizzato.

Il 5 agosto il giudice stabilirà la pena. Campbell è stato ritenuto colpevole di altri 17 capi di accusa per le persone ferite e altri ancora per essere fuggito dopo l’incidente. L’accusa aveva chiesto la pena di morte. In vista della determinazione della condanna, che sarà emessa dal giudice, la giuria ha indicato il carcere a vita per l’omicidio e 35 anni per gli altri capi di imputazione.

Secondo l’accusa, Campbell era infuriato perché aveva dato 35 dollari a uno spacciatore per comprare metanfetamine per sé e un amico, ma il venditore era sparito con i soldi.

Per la rabbia l’uomo era entrato con la sua auto sul celebre lungomare e aveva investito volontariamente pedoni e ambulanti. “Diglielo, ci passo sopra a quelli lì”, aveva detto a un clochard prima di salire in macchina. Oltre alla vittima italiana, 17 persone erano rimaste ferite.

Per la difesa, Campbell non voleva investire la gente. Alice Gruppioni, 32 anni, era una dirigente del gruppo Sira di Pianoro (Bologna) e figlia del manager della stessa azienda Valerio Gruppioni, già vicepresidente del Bologna. Si era sposata il 20 luglio con Christian Casadei, architetto di Cesena, e si trovava a Venice Beach in viaggio di nozze.

Il 3 agosto era il loro ultimo giorno negli Stati Uniti. Di fronte al tribunale di Los Angeles, Christian aveva raccontato, trattenendo a stento le lacrime, di come Alice era stata investita dall’auto di Campbell mentre lui cercava di tirarla in un portone. Era rimasta per qualche centinaio di metri aggrappata al cofano, poi era caduta a terra, battendo la testa e riportando un trauma cranico fatale. Era morta lì sul posto, fra le braccia del marito.

Campbell era fuggito, ma si era arreso alla polizia due ore dopo a Santa Monica. La famiglia Gruppioni aveva intentato una causa civile contro la contea di Venice Beach, accusandola di non aver protetto adeguatamente il marciapiede del lungomare dalle intrusioni di veicoli.