Alleati bombardano Dresda: il VIDEO del 1945

di redazione Blitz
Pubblicato il 15 febbraio 2018 6:30 | Ultimo aggiornamento: 15 febbraio 2018 1:51
Alleati bombardano Dresda: il VIDEO del 1945

Alleati bombardano Dresda: il VIDEO del 1945

DRESDA – Lo straziante filmato della seconda guerra mondiale che mostra il bombardamento di Dresda, a 73 anni di distanza dal giorno in cui la città fu annientata dagli aerei alleati, e in cui persero la vita 25.000 persone. Nel filmato del 1945, parte di un notiziario americano, si vedono i terrificanti attacchi dinamitardi effettuati dalla Raf nella notte del 13 febbraio.

Un frammento mostra un aereo della Raf colpito da un cannone antiaereo, definito dalla voce fuori campo del narratore, come uno “spaventapasseri”, “l’arma segreta di Goebbels”. Nella clip si vedono i bombardieri americani volare su Dresda il giorno seguente, dove hanno sganciato altre bombe nel tentativo di fermare le forze di Hitler che respingevano l’avanzata sovietica da est. All’inizio del video, mentre il narratore americano descrive gli attacchi alleati, si vedono i bombardieri britannici sorvolare la città. C’è la vista aerea di Dresda di notte: si odono suoni terrificanti e c’è la luce causata dalle esplosioni.

Secondo quanto dice il narratore americano, sulle linee di trasporto di Dresda, per ostacolare le forze tedesche, gli aerei Raf Lancaster sganciarono 650.000 bombe. Gli attacchi continuano a devastare la città e successivamente alla Raf si uniscono i bombardieri americani dell’Eight Air Force. Nel filmato si vedono le bombe mentre dall’alto cadono sul suolo tedesco e una musica allegra conclude il notiziario mentre lo speaker riferisce il successo dell’operazione, scrive il Daily Mail.

A quel tempo, Berlino e Lipsia, era sottoposte a continui bombardamenti mentre Dresda, fino alle notti del 13, 14, 15 febbraio, era la città più grande della Germania a non essere stata presa di mira dagli Alleati. All’inizio di febbraio, con alcune truppe sovietiche a circa 70 miglia da Berlino, gli alleati occidentali decisero di aiutarle nella loro avanzata, interrompendo gli sforzi per spostare gli armamenti sul fronte orientale.

Il narratore dice che l’aviazione alleata stava “unificando gli attacchi con l’esercito di Stalin“, al fine di provocare uno stato di allarme e panico nella popolazione civile e indebolire lo sforzo bellico tedesco. Gli Alleati intrapresero quattro incursioni con Lancaster, Halifax e Mosquito che sganciarono sulla città 3.900 tonnellate di bombe.

Persero la vita almeno 25.000 persone, il 90% della città era stato distrutto poiché il fuoco si era diffuso rapidamente negli edifici di legno a temperature dichiarate di 1.800 F (982° C). Rudolph Eichner, un soldato tedesco di stanza a Dresda al momento dell’attacco, disse: “Non c’erano sirene di avvertimento. Fummo presi completamente di sorpresa e tornammo di corsa nelle cantine dell’ospedale che immediatamente diventarono sovraffollate”. “Il vento trasportava scintille, pezzi di mobili infuocati, detriti e frammenti di corpi in fiamme. C’erano corpi carbonizzati ovunque. L’esperienza del bombardamento fu ben peggiore di quella del fronte russo, dove ero un mitragliere in prima linea.”